Il wasabi fa più bene di quanto pensi. Scopri il perché

wasabi
fonte: Adobe Stock

Il wasabi è un alimento ricco di proprietà benefiche. Scopriamo cinque dei tanti motivi per cui fa bene alla salute.

wasabi
fonte: Adobe Stock

Il wasabi è quella pasta morbida, verde brillante e talmente forte che apre i seni nasali con tanta violenza da causare dolore, ma al contempo rende il sushi squisito.
Ricavata dalla radice della Eutrema japonicum (famiglia delle Brassicacee), detta anche Ravanello giapponese (una radice tuberosa di origine giapponese), il wasabi è una salsa abbastanza densa e molto forte. Più che piccante si può dire che è estremamente balsamica. Pizzica un po’ ma se usata nel giusto modo rende davvero speciali preparazioni come il sushi, il riso, e alcune salse per svariati tipi di pasta e pesci.

Ciò che non a tutti è noto però, è che il wasabi possiede delle proprietà benefiche per l’organismo. Vediamo insieme 5 motivi per cui inserire regolarmente il wasabi nella nostra alimentazione.

Wasabi: ecco perché fa bene alla salute

wasabi
fonte foto: Adobe Stock

Inserire il wasabi nella propria alimentazione comporta diversi benefici per la salute come ad esempio quello di contrastare la caduta dei capelli. Scopriamo alcuni dei più importanti.

Previene le intossicazioni: da sempre utilizzato per la preparazione del sushi, il wasabi non solo rende speciale questa preparazione, ma aiuta a prevenire le intossicazioni alimentari. Possiede proprietà antisettiche e antimicrobiche.

È naturalmente balsamico: detto anche “namida” (che in giapponese significa lacrima) il wasabi stimola le mucose delle vie respiratorie e se mangiato in quantità errata, causa bruciore a naso e gola, facendo lacrimare gli occhi. Tuttavia se dosato e utilizzato nei giusti odo e quantità, è uno straordinario strumento per aiutare a liberare le vie respiratorie costipate.

È un anticancro: il wasabi è in grado di stiolare il fegato a produrre enzimi disintossicanti che hanno l’azione di eliminare gli agenti tumorali prima ancora che questi possano cominciare a dar vita alle cellule cancerose.

È noto come afrodisiaco: i giapponesi ritengono che la pasta di wasabi non solo sia afrodisiaca, stimolando il desiderio sessuale, ma che addirittura arrivi a stimolare la virilità maschile.

Svolge una funzione Antisettica: ricco di vitamina C, il wasabi rallenta la creazione dei microbi sia dentro che fuori dall’organismo, funzione primaria espletata nell’accompagnamento del pesce crudo. Non solo, contrasta la formazione dei batteri del cavo orale, proteggendo la salute di denti e bocca.

Controindicazioni del wasabi

wasabi
fonte foto: Adobe Stock

Il wasabi va consumato con estrema moderazione ed in dosi particolarmente ridotte a causa della violenza della sua natura balsamica. Considerando che al suo interno reca una epatotossina, sorge naturale prestare attenzione al dosaggio.
L’eccessivo consumo di wasabi, infatti, potrebbe danneggiare il fegato e la sua funzione di organo espulsore.

Chi sviluppa allergie o intolleranze direte alla radice, deve astenersi dal consumo.
In ogni caso consigliamo sempre di rivolgersi al proprio medico curante per ogni eventuale problema o dubbio in merito.