Quando il bambino ha paura di Babbo Natale: cosa fare e consigli per i genitori

Per molti bambini vedere Babbo Natale può essere un’esperienza traumatica. Alcuni hanno paura e piangono. Cosa fare? Consigli per i genitori.

babbo natale paura
Adobe Stock

Natale è ormai passato ma una curiosità che ci resta ancora in testa è perché i bambini hanno paura di Babbo Natale?

Quante volte vi sarà capitato di incontrare un Babbo Natale in un negozio o magari, quando ancora si potevano fare, alla festa di Natale dell’asilo? E puntualmente vostro figlio si è messo a piangere e aveva paura?

Come mai accade questo? E se succede cosa bisogna fare? Ecco alcuni consigli per i genitori se il proprio figlio ha paura di Babbo Natale. 

Ecco perché i bambini hanno paura di Babbo Natale

babbo natale paura
Adobe Stock

Si attende per tutto l’anno, poi un giorno capita di incontrarlo e la paura prende il sopravvento fino a sfociare in un pianto, talvolta disperato.

È così che capita a molti bambini, non a tutti, la prima volta che vedono Babbo Natale, specie se sono ancora piccoli. Un fenomeno del tutto normale, quello di aver paura di Babbo Natale. 

I bambini sono spesso soggetti a paure e solo noi genitori possiamo aiutarli a superarle. Ad esempio la paura del buio o quella del dottore. 

Cosa fare allora? I genitori in questi casi non dovranno sminuire i timori del bambino ma semplicemente rassicurarlo, stargli vicino e spiegargli che Babbo Natale è una figura buona, un po’ come un nonno. 

I bambini è normale che abbiano paura, si tratta di un fenomeno di tipo adattivo. Avere paura di ciò che non si conosce, dell’estraneo, è un meccanismo di difesa che il piccolo mette in atto. 

Inoltre compare all’improvviso e questo genera paura, perché è imprevedibile e genera sospetto. Considerando anche che la fisicità, da questo punto di vista, non lo aiuta. Infatti, è grosso, ha il volto praticamente tutto ricoperto di barba, insomma un figura che incute un certo timore.

Non considerando anche il fatto che è una figura esterna e non appartenente alla famiglia. I bambini già dopo qualche mese di vita riconoscono i volti.

In più i bambini hanno una fervida immaginazione e credono che quello che accade nelle fiabe possa avverarsi. Così quando Babbo Natale si concretizza in carne e ossa il loro mondo immaginario cade in frantumi, trasformandosi in realtà, si impauriscono fino a piangere.

Come devono comportarsi allora i genitori?

1) Accogliere la paura e non prenderli in giro ma comprendere che è una fenomeno del tutto normale finché un bimbo è piccolo. Sminuendo quello che prova o peggio deridendolo otterremo l’effetto contrario. La soluzione è stare vicino a nostro figlio in questi momenti e rassicurarlo che non accadrà nulla perché Babbo Natale è buono.

2) La spiegazione è meglio fornirla però solo dopo che è passata la crisi di pianto e quando l’agitazione si è placata. Quando il bimbo è tornato sereno potremo spiegargli la storia di Babbo Natale, cosa fa e perché è così famoso e amato dai bambini di tutto il mondo.

babbo natale non esiste
Adobe Stock

3) Non costringerlo. Se il bambino è molto spaventato non forziamo a salutare per forza Babbo Natale o peggio a farlo sedere sulle sue ginocchia per fare una foto, ad esempio. In questo modo infatti non faremmo che incrementare il suo stato di angoscia.

E i vostri figli hanno paura di Babbo Natale?