COVID-19, variante inglese a Loreto: primo caso accertato

Vaccino anti-Covid (Getty Images)
Vaccino anti-Covid, il primo a un'infermiera (Getty Images)

È stato riscontrato un caso di COVID-19 con la variante inglese a Loreto in provincia di Ancona. Le condizioni della paziente dopo gli accertamenti.

covid
(Getty Images)

La variante inglese del Coronavirus preoccupa per la sua particolarità, mentre l’OMS sta cercando di capire con cosa – effettivamente – abbiamo a che fare, i contagi cominciano a circolare: non basta evidentemente bloccare i voli dalla Gran Bretagna, come sta facendo quasi tutta l’Europa. Il “nuovo tipo” di COVID-19 è arrivato anche in Italia: si registra, infatti, un caso a Loreto (in provincia di Ancona).

Si tratta di una sequenza parziale, stando alle prime anticipazioni del Corriere Adriatico, registrata presso il Laboratorio di Virologia degli Ospedali Riuniti di Ancona: la persona contagiata – su cui è stato mantenuto il massimo riserbo di identità – non avrebbe avuto contatti diretti con il Regno Unito. Si è unicamente sottoposta a tampone nei giorni scorsi poiché ha riscontrato la sintomatologia da Covid, ora è in isolamento con la famiglia.

Variante inglese, un caso a Loreto: le condizioni della paziente

Vaccino Pfizer
(Getty Images)

Forte raffreddore e dolori alle ossa: questi i primi sintomi. Poi la positività al COVID-19 e precisa Stefano Manzo – Direttore del Laboratorio – la comparsa della variante inglese. “Risultato appurato dopo accurati accertamenti, l’importante è rispettare le procedure di isolamento”, ha concluso Manzo intercettato dai microfoni dell’ANSA.

Margine per lavorare, dunque, ce n’è. Ora bisogna fare i conti con questa nuova mutazione che metterà a dura prova il lavoro degli esperti, chiamati a un ulteriore salto di qualità. Intanto il Premier Conte alimenta le speranze: “Siamo all’ultimo miglio, possiamo fronteggiare al meglio questa situazione grazie al vaccino già dal nuovo anno”. Segno che qualcosa si sta muovendo, resta da capire in che direzione, ma la variabile inglese resterà l’incognita con cui avere a che fare nei prossimi mesi.