Nuova variante Covid più contagiosa. La parola a Walter Ricciardi

Il mondo guarda con il fiato sospeso alla nuova variante Covid, isolata per la prima volta in Inghilterra e già arrivata in Italia. E’ molto contagiosa ma non più letale del solito. Ecco perché, lo spiega Walter Ricciardi

covid
(Getty Images)

Il mondo guarda con il fiato sospeso alla nuova variante del Covid, isolata per la prima volta in Gran Bretagna è già diffusa in Olanda, Belgio, Australia e Italia. La notizia è arrivata come un fulmine a ciel sereno, proprio ora che è tutto pronto per l’inizio della campagna vaccinale. Gli stati membri dell’Unione Europea si sono dati appuntamento il 27 dicembre, giorno del ‘V-Day’, per somministrare le prime dosi del vaccino Pfizer che, proprio ieri, ha incassato l’ok dell’Agenzia europea dei medicinali (EMA). 

Come si diceva poc’anzi anche in Italia è stato isolato il virus mutato, presso l’ospedale militare del Celio, in un uomo che ha contratto l’infezione in Inghilterra ed è poi rientrato a Roma. La notizia trova ampia conferma in un comunicato diramato dal ministero della Salute.

Per il nuovo virus, non ci sono ancora certezze cristallizzate. Al momento mancano pubblicazioni scientifiche e si può contare soltanto sui primi dati raccolti dalle autorità sanitarie inglesi, che lo descrivono come molto contagioso ma non più letale del solito. A preoccupare è, quindi, la rapidità con la quale si propaga l’infezione, pari al 70% in più. L’Unione europea è al lavoro per fronteggiare quella che, nelle ultime ore, appare sempre più come ‘un’emergenza nell’emergenza’. Si cerca di individuare strategie d’intervento condivise. L’Italia, in particolare, non può proprio permettersi un rimbalzo dei contagi, perché il sistema sanitario è sotto pressione ormai da mesi.

La nuova variante del Coronavirus preoccupa anche per i vaccini già pronti per la distribuzione. Ci si chiede se saranno efficaci anche per la mutazione britannica. Molti esperti, tra i quali Giorgio Palù e Massimo Galli dicono che non c’è nulla da temere in tal senso. E’ più cauto, invece, il ministro della Salute Roberto Speranza.

Comunque, resta il fatto che la mutazione inglese del Covid è più contagiosa e viene da chiedersi, spontaneamente, il perché. Prova a dare una spiegazione complessiva il professore Walter Ricciardi, consigliere scientifico del ministro della Salute.

Variante Covid più contagiosa. Ricciardi: “Ecco perché”

covid
(Getty Images)

“La nuova variante di Coronavirus entra attraverso il naso, che diventa una porta quasi spalancata” . Questo è il commento a caldo di Walter Ricciardi, ai microfoni di un Giorno da Pecora, e riportato anche da Adnkronos. Una frase netta, quella scelta dal professore, per introdurre il tema dell’estrema contagiosità della nuova variante Covid, capace di infettare fino al 70% in più.

Il nuovo virus, quindi, sarebbe in grado di entrare più velocemente nel corpo. Ricciardi ne è assolutamente convinto. “Le 3 mutazioni di cui si parla hanno dato al virus la capacità di penetrare meglio all’interno delle nostre mucose, in particolare attraverso il naso. Ora ha davanti a sé una porta facilitata – ha sottolineato l’esperto – prima doveva scardinarla e adesso, invece, è più rapido. A Londra i contagi sono raddoppiati negli ultimi 3 giorni raggiungendo il record da febbraio. Lì non hanno imposto misure, come l’obbligo delle mascherine, per prevenire il contagio”.

In effetti i numeri forniti dalle autorità sanitarie britanniche sono preoccupanti. In soli 3 giorni sono stati registrati quasi 36.000 nuove infezioni, un vero e proprio record dall’inizio della pandemia, che si accompagna a un primato listato a lutto: 326 decessi in 24 ore. Cifre allarmanti che confermano, ampiamente, quanto riferito da Ricciardi.

Purtroppo il virus è arrivato anche in Italia, con un primo caso di infezione contratta da un uomo atterrato a Fiumicino, di ritorno dall’Inghilterra. Ma ci sarebbero anche altri sei casi sospetti. Ormai la variante inglese del Covid è già arrivata in Europa ed è allerta massima. Anche il professor Walter Ricciardi non nasconde la sua preoccupazione.

“Sono preoccupato non tanto per l’aggressività – ha detto Ricciardi – ma per la contagiosità che aumenta molto. Questo virus si trasmette con molta più facilità, dovremo stare particolarmente attenti e adottare misure più rigide per evitare il contagio. Se abbiamo più casi in assoluto, avremo più casi gravi e più morti”. La nota positiva pare riguardare l’efficacia dei vaccini. Al riguardo per l’esperto “sembra non ci sia compromissione della capacità protettiva del vaccino, che rimane un’arma da accelerare”.

Per il consigliere del ministro della Salute, quindi, non si può abbassare la guardia. In effetti, a prescindere dalla nuova mutazione, il governo italiano aveva già optato per la linea del rigore, in vista delle festività natalizie.

covid
(Getty Images)

Tutti i rossi in calendario, Natale, Santo Stefano, Capodanno ed Epifania saranno da vivere in lockdowm, con il Belpaese tutto in zona rossa. Ci saranno divieti e restrizioni da rispettare, per scongiurare un’altra impennata di contagi ed evitare, così, la tanto temuta terza ondata.