Richiamo alimentare per un lotto di biscotti: i rischi

Nuovo richiamo alimentare per un pacco di biscotti. A seguire tutte le indicazioni del caso.

recall
Cartello recall – Fonte: Adobe Stock

Quando si pensa alla prima colazione, una delle cose che vengono in mente al primo colpo sono i biscotti. Croccanti, dolci e perfetti da inzuppare nel natte, i biscotti rappresentano uno dei pasti più amati e scelti da grandi e piccini. Si tratta però di prodotti che contengono diversi ingredienti e che pertanto possono essere soggetti a richiami di vario tipo. Cosa che è avvenuta in questi giorni con un pacco di frollini.

Richiamato lotto di frollini con mais, zenzero candito e olio di bergamotto

frollini
fonte foto: Adobe Stock

L’allerta per il lotto di biscotti è stata diramata dal sito del Ministero della Salute. A seguire tutte le informazioni utili per riconoscere il prodotto e per capire come muoversi.

  • Denominazione del prodotto: Frollini di mais con zenzero candito e olio essenziale di bergamotto
  • Marchio: ON Le furezze
  • Ragione Sociale OSA: Le Furezze di F. Iseppato
  • Numero di lotto: E333/54
  • Data di scadenza: Maggio 2021
  • Produttore: Le Furezze di F. Iseppato
  • Sede dello stabilimento: Via Alberto da Giussano, 36 – 37051 Bovolone (VR)
  • Confezione: da 150 g
  • Motivo del richiamo: Etichettatura non corretta: sesamo nero non dichiarato nella lista degli ingredienti

Chiunque abbia acquistato il pacco di biscotti con il lotto sopra indicato è pregato di non consumarli per nessun motivo e di riportarli presso il punto vendita in modo da ottenere un rimborso o il cambio con un altro prodotto dello stesso valore.

I rischi che si corrono mangiando i biscotti sopra indicati

piatto con divieto
Piatto con segnale di divieto – Fonte: Adobe Stock

La presenza di un alimento classificato come un allergene può essere pericolosa per i soggetti che ne sono allergici. Mangiare i biscotti quindi potrebbe portare a reazioni allergiche indesiderate. Un rischio che è meglio non correre e per il quale è consigliato di riportare indietro i biscotti.

Sebbene al centro dell’allerta ci siano dei semi di sesamo, quindi, questa volta il problema non è dell’ossido di etilene ma della mancanza di dicitura in etichetta. Per chi non ne fosse a conoscenza, in quest’ultimo periodo, sono stati richiamati diversi prodotti contenenti semi di sesamo e tutti per la presenza di ossido di etilene sopra i limiti di legge. A seguire alcuni tra i più recenti:

cibi pericolosi
segnale di divieto con teschio – Fonte: Adobe Stock

Seguire le allerte alimentari è un buon modo per prendersi cura di se e della propria famiglia e tutto evitando quegli alimenti che vengono segnalati giornalmente per via di contaminazioni, presenza di allergia o problemi che potrebbero influire sul benessere dei consumatori.