Chieti, esplode una fabbrica di munizioni: ci sono vittime

Chieti, esplode una nota fabbrica di munizioni a Casalbordino: i Vigili del fuoco sono accorsi immediatamente, un primo bilancio è pesante

(Pixabay)

Drammatica esplosione nel primo pomeriggio fi oggi, 21 dicembre, a Casalbordino, in provincia di Chieti. In un primo momemnto le agenzie avevano doffusop la voce che ad essere copinvolta fosse una fabbrica di fuochi d’artificio. In realtà lo scoppio è avvenuto nella Sabino Esplodenti, che tratta esplosivi.

In base alle prime frammentarie informazioni dei Vigili del fuoco, presenti sul posto, ci sarebbero alcune vittime. E poco fa la notizia è stata confermata al sito della tv locale Telemax dal sindaco del paese, Filippo Marinucci: “Sono stato allertato dal prefetto e mi sto recando ora sul posto. Ora mi hanno fermato perché stiamo evacuando la zona Confermo che ci sono vittime: mi hanno detto che ci sono tre morti”.

Esplode una fabbrica di munizioni, aperto un fascicolo dalla procura di Vasto

Sempre in questi minuti è arrivata anche un’ulteriore conferma da Carlo Sibilia, sottosegretario al Ministero dell’Interno con un tweet. Per consentire l’intervento dei vigili del fuoco e mettere in sicurezza la zona, la Statale 16 è stata bloccata così come la la ferrovia adriatica nella zona del porto di Vasto.

E mentre la Procuro di Vasta ha aperto un fascicolo su quanto accaduto il prefetto di Chieti, Armando Forgione, ha convocato una video riunione urgente del centro di Coordinamento dei soccorsi. Serviràò per coordinare tutte le procedure d’emergenza. Per questo sono stati copnvocato in via virtuale Regione Abruzzo, Provincia di Chieti e Questura, Carabinieri, Guardia di Finanza, Vigili del fuoco, Polizia stradale. Ma anche Asl di Chieti, Arta, Ferrovie, il concessionario della A14 e l’Anas.