Tre cose da fare assolutamente per tornare a raggiungere l’orgasmo (se non ci riesci più)

Orgasmo, questo sconosciuto o meglio, conosciuto ma non sempre incontrato! Ecco le risposte che cercavi per capire come raggiungere l’orgasmo!

come raggiungere l'orgasmo
(fonte: Unsplash)

Non c’è bisogno di vergognarsi, dopotutto la scienza ha confermato che le donne eterosessuali sono quelle che provano meno orgasmi durante i rapporti!

Insomma, si tratta di un problema comune (non solo alle donne ed agli etero, sia chiaro) che interessa tantissime persone e, sembra, non avere risoluzione.

Secondo Cosmopolitan, invece, ci sono dei consigli che potrebbero aiutarci a capire come funziona questo grande sconosciuto, l’orgasmo.
Vediamo se tra queste informazioni ci sono anche quelle per rispondere ai tuoi dubbi!

Raggiungere l’orgasmo: ecco tutte le risposte che ti servono

come raggiungere l'orgasmo
(fonte: Unsplash)

La prima domanda (e forse l’unica e quella più importante) è facile da indovinare: “Perché non riesco a raggiungere l’orgasmo?“.
Innanzitutto, partiamo con le rassicurazioni: non sei l’unica!

Anche se i rapporti intimi ti piacciono, anche se durante tutto l’atto sei felice ed eccitata può capitare (e capita, tantissime volte) di non arrivare alla conclusione sperata.
Cosa puoi fare a riguardo?

Il primo step è quello di lasciar perdere le preoccupazioni: sappiamo che non è semplice però è veramente necessario.
Prima di iniziare a preoccuparsi della conformazione del proprio corpo ed altre domande sinceramente troppo tecniche, per le quali sarebbe opportuno rivolgersi ad un medico, ci sono alcune risposte che potrebbero aiutarti a capire cosa c’è che non va.

L’orgasmo potrebbe essere difficile da raggiungere (per tutti) per via di tantissimi motivi diversi, molti dei quali legati a problematiche molto più semplici di quello che crediamo.
Per approfondire, qui trovi i nostri suggerimenti per arrivare e prolungare il piacere femminile mentre in questo articolo ti abbiamo parlato del punto L.
Pronti a capire quali sono i principali fattori che ci impediscono di raggiungere il piacere?

Al primo posto, a quanto pare, ci sarebbe la distrazione.
Siamo abituati a pensare che i rapporti intimi siano momenti nei quali siamo completamente presi dall’altro e da quello che succede, avulsi dalla realtà.
L’esperienza ci ha insegnato che, spesso, non è così!
Durante un rapporto intimo ci sarebbero milioni di piccoli pensieri che ci aiutano a perdere la concentrazione e, di conseguenza, anche l’appuntamento con l’orgasmo.

Magari stai pensando a se ti sei depilata le gambe per bene, se hai chiuso la porta di casa o ad una problematica di lavoro.
Niente di più sbagliato!
Per arrivare a raggiungere l’orgasmo bisogna essere completamente concentrati su quello che stiamo facendo: più facile a dirsi che a farsi, questo è vero!
C’è chi prova con la filosofia mindfulness e chi, invece, non sa proprio come fare.

Il nostro suggerimento, per quanto banale, è quello di cercare di lasciarsi andare alla passione solo nel momento in cui l’eccitazione tra te ed il partner è al massimo.
Inutile aspettarsi di raggiungere l’orgasmo se siamo preoccupati per la cena, le bollette oppure per la pandemia di Coronavirus.
Insomma, anche il cervello vuole la sua parte!

Ormai sappiamo quante volte dovreste farlo per essere una coppia perfetta: passati i primi momenti di passione, forse è il caso di imparare quanto è il momento giusto per farlo.
Soprattutto, un passaggio importante da non dimenticare mai, non dovete farlo per “convenienza” o perché l’altro vuole assolutamente.
Una relazione è fatta anche e soprattutto di rispetto dei desideri dell’altro: trovare il giusto compromesso è fondamentale!

Al secondo posto ci sarebbe, invece, la durata del rapporto intimo.
Vi avevamo parlato qui di quale fosse il responso della scienza a riguardo: i rapporti dovrebbero durare, infatti, un preciso numero di minuti!

Questo però non toglie che, spesso, tra uomini e donne ci sia un deciso divario riguardo quale sia l’idea di rapporto sessuale.
Se i minuti che servono a rendere felice una coppia sono stabiliti dalla scienza, prima del rapporto intimo c’è molto altro!

Per le donne, a quanto pare, sarebbe perfetto un rapporto che dura intorno ai 20 minuti nei quali, però, sono compresi anche i preliminari ed il processo di eccitamento.
Per gli uomini, invece, la durata del rapporto perfetto è praticamente dimezzata: insomma, c’è una certa mancanza di obiettivi comuni!

Nessuno dice che dobbiate cronometrare il vostro partner od il vostro rapporto intimo, sia chiaro!
Cercate di capire, però, quando il troppo è troppo è quando il poco è… troppo poco!

Sul podio delle motivazioni per il mancato raggiungimento dell’orgasmo, c’è anche la posizione.
Uomini e donne, soprattutto, raggiungerebbero il massimo piacere in posizioni drasticamente diverse.
Ovviamente queste affermazioni sono fondate su uno studio che, per forza di cose, è parziale.

Nessuno può sapere davvero come funziona la vostra relazione!

Alla base di questo problema ci sarebbe un fattore veramente sorprendente: l’imbarazzo.
A quanto pare, infatti, più stiamo con il partner e meno ci sentiamo a nostro agio quando si tratta di parlare di questioni di letto.
Forse vi capita di farlo sempre nella stessa maniera, oppure, semplicemente, tendete tutti e due a cercare di usare la stessa posizione che vi assicura il lieto fine.

Così non va!
Dovete imparare, di nuovo, a provare cose nuove insieme. Le posizioni sotto le coperte sono assolutamente nella lista delle attività che una coppia dovrebbe rinfrescare una volta ogni tanto!

Cercate di parlarne il più onestamente possibile e vedrete che tra di voi la complicità rifiorirà come per magia.
Nessuno vi vieta di ridere e scherzare, di provare cose che non andranno alla grande e di migliorare la vostra intesa sessuale divertendovi!

come raggiungere l'orgasmo
(fonte: Pexels)

Insomma, ora conoscete alcune delle risposte al quesito più importante della vita di coppia, almeno sotto le coperte.

Questi consigli possono aiutarvi a trovare lo spunto per riaccendere la passione: farete un tentativo?