Terremoto a Milano: il più forte degli ultimi 500 anni scuote il capoluogo lombardo

Si è trattato del terremoto più forte mai avvertito nella città di Milano: l’epicentro è stato individuato a circa 8 chilometri di profondità.

(Getty Images)

Secondo l’Istituto Nazionale di Geofisica e di Vulcanologia si è trattato di una scossa di terremoto di magnitudine 3.8 quella che si è verificata intorno alle 17.00 a Milano, per la precisione a 1 chilometro a Nord di Trezzano sul Naviglio..

La scossa è stata avvertita solo ai piani più bassi delle abitazioni e sono già partiti i controlli per la stabilità degli edifici messi in atto dai vigili del fuoco, che sono stati allertati da diverse segnalazioni da parte dei cittadini milanesi (almeno 20 dopo la scossa).

Lo spavento degli abitanti di Milano deriva anche dal fatto che il milanese è considerato un territorio a basso rischio sismico.

L’ultimo evento sismico di intensità paragonabile registrato nella stessa zona fu quello che secondo gli studiosi si verificò intorno al 1520 e che raggiunse una magnitudine di 3.7, sempre avendo come epicentro la città di Milano.

Terremoti di intensità maggiore e quindi maggiore pericolosità per la sicurezza della popolazione si sono verificati nel 1936 a Monza, con una magnitudine di 5 gradi e prima ancora al confine tra Lombardia e Piemonte, dove nel 1818 si registrò un terremoto appena meno intenso, di magnitudo di 4.6.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da ℕ (@il_milanese_f205)

Dopo lo spavento sui social si è diffusa molta amara ironia in merito a un 2020 che non cessa di riservare sorprese spiacevoli.