Il Natale 2020 sarà diverso e non solo per il Covid. Ecco la sorpresa

Nonostante il Covid, il Natale 2020 ci riserverà una meravigliosa sorpresa. Occhi puntati al cielo per godere di uno spettacolo davvero indimenticabile. Un evento unico che ritorna dopo ben 800 anni

cometa
(Getty Images)

Manca ormai poco al Natale 2020. Sarà diverso, in tono minore, da vivere nell’intimità della propria casa e solo con i familiari conviventi, proprio come raccomanda l’ultimo Dpcm varato da Governo Conte. Restrizioni severe, che non piacciono neppure ad alcune Regioni, ma che sono però necessarie. Per quest’anno, addio a baci e abbracci, alle grosse tavole, alla baldoria, alla leggerezza. Tutto questo non ci sarà a causa del persistere dell’emergenza sanitaria dovuta al Coronavirus. I numeri della curva epidemiologica preoccupano ancora e gli esperti raccomandano massimo rigore.

Si lavora sodo per evitare un’altra impennata dei contagi con l’inizio del nuovo anno. Bisogna stringere ancora i denti, in attesa dell’arrivo delle prime dosi di vaccino. L’Italia e la Germania hanno fatto pressing sull’Ema e, forse, l’autorizzazione per il vaccino Pfizer potrebbe arrivare proprio per Natale. Se ciò accadesse, si partirebbe con le prime somministrazioni già ad inizio gennaio.

Insomma di carne al fuoco ce n’è davvero tanta. Tra divieti, restrizioni di ogni sorta e attesa per l’arrivo del tanto sospirato vaccino, gli italiani vivranno festività al cardiopalma. Si guarda con speranza ad un futuro che, comunque, sembra a tinte fosche. La consapevolezza di molti è che, anche quando la pandemia finirà, non sarà come riavvolgere un nastro e ritornare, finalmente, alla vita di prima. Ci saranno strascichi, soprattutto economici, che dureranno mesi, se non addirittura anni. Quella che i Paesi stanno attraversando è la più grande crisi dal secondo dopoguerra.

In tutto questo, però, una nota positiva c’è. Il Natale 2020, triste e sgangherato, ci regalerà comunque una sorpresa meravigliosa. Nasi all’insù verso il cielo per godere di uno spettacolo davvero emozionate.

Natale 2020 con sorpresa: ci sarà la Stella di Betlemme

cometa
(Getty Images)

Chi pensava che questo Natale non potesse regalare un tocco di magia, dovrà ricredersi. Arriverà dal cielo una meravigliosa sorpresa per tutti. Sarà davvero un Natale da presepe con la Stella di Betlemme, che ritorna per la prima volta dopo 800 anni. 

Secondo la rivista Forbes, la cometa sarà visibile per tutto il mese di dicembre e, in particolare il 21 dicembre, giorno del solstizio d’inverno, con l’allineamento di Giove e Saturno. Non si tratterà della comparsa di una cometa propriamente detta: l’apparente avvicinamento dei due pianeti darà vita ad un unico punto luminoso, soprannominato “Stella di Natale”.

Ci sarà quindi una grande congiunzione che sarà davvero eccezionale perché, come ha riferito in una dichiarazione pubblicata dalla Rice University l’astronomo Patrick Hartigan, è dal 1226 che Giove e Saturno non si troveranno così vicini tra loro, quindi da quasi 800 anni”.

Non è facile vedere la “Cometa di Betlemme” perchè è un fenomeno astronomico molto raro. Per rintracciare l’ultima apparizione bisogna fare un tuffo nel passato e ritornare al Medioevo. La prossima apparizione, invece, è prevista per il 2080. Per riuscire ad ammirare la “Stella di Natale” del 2020 ci sono alcune indicazioni da seguire. Nell’emisfero nord, gli osservatori dovranno puntare i loro telescopi in direzione sud-ovest, a partire da mezz’ora dopo il tramonto.

Questo Natale, nonostante tanta sofferenza, si caricherà di un significato particolare. A scaldare i cuori ci sarà la “Stella di Betlemme”. Dai Vangeli a Giotto: così nacque il simbolo della Natività. Ma gli scienziati, ancora si interrogano: all’origine del fenomeno, forse ci fu un eccezionale allineamento planetario che si verificò nell’aprile del 6 a.C. Insomma potrebbe essere accaduto qualcosa di molto simile a quello a cui si assisterà tra pochi giorni: due pianeti che si allineano perfettamente, regalando uno spettacolo straordinario.

Anche Keplero, celebre astronomo tedesco, si interrogò molto sulla “Stella o Cometa di Natale”, arrivando a concludere nel 1614 che, forse, il fenomeno poteva essere spiegato con la congiunzione tra Giove e Saturno, anche con la complicità di Venere. Vero è comunque che, al di là della scienza, la “Stella di Betlemme” è, dalla notte dei tempi, il simbolo per eccellenza del Natale. Non c’è presepe senza cometa.

cometa
(Getty Images)

Mancano quindi pochi giorni per godere di questo bellissimo spettacolo. Occhi puntati al cielo, per ritrovare un po’ di magia in questo Natale così sbiadito. E chissà che a molti non venga anche in mente di esprimere un desiderio, magari la fine della pandemia.