Natale e Capodanno, stretta decisiva: Conte al lavoro con capi delegazione

Ulteriore stretta per Natale. Conte incontra i capi delegazione per decidere. Nei prossimi giorni l’eventuale conferma.

Giuseppe Conte è alle prese con la nomina per il nuovo commissario della Calabria
Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte (Getty Images)

In dirittura d’arrivo il vertice Stato-Regioni da cui dovrebbero scaturire le decisioni relative al Natale e alle misure ulteriormente restrittive da adottare, eventualmente, solo durante 25, 26 e 31 dicembre. Conte preme per la linea dura, spalleggiato dal Ministro della Salute Roberto Speranza: fra giovedì e venerdì le comunicazioni ai cittadini.

Nel frattempo l’Antitrust indaga su Trenitalia in merito al caro biglietti: prezzi alle stelle per spostarsi da una regione all’altra, motivo per cui una chiusura forzata rappresenterebbe un problema per molti che stanno già facendo il possibile per organizzare spostamenti e nel caso ricongiungersi con i parenti.

Natale e Capodanno, incontro con i capi delegazione: possibile zona rossa sotto l’albero

Covid, restrizioni per Natale. Conte è nell'ala rigorista (Getty Images)
Covid, restrizioni per Natale. Conte è nell’ala rigorista (Getty Images)

Se dal Governo arriva il monito alla prudenza, per le strade si respira insofferenza: i governatori di Regione, dunque, chiedono provvedimenti ragionati. Chiudere sì, ma con cognizione di causa: “Impensabile fare un’unica zona rossa in tutta Italia, quando ci sono regioni dove la situazione contagi non è critica come altrove”, tuona Toti dalla Liguria. Occorre, quindi, mediare.

Proprio questa mediazione fra più necessità rischia di far slittare ulteriormente il processo decisionale, malgrado la maggioranza sia a favore di una chiusura come atto di responsabilità e prudenza: il dibattito con le opposizioni prosegue incessante, ma la situazione va risolta in breve tempo cercando di sbrogliare lo stallo con le Regioni. C’è divisione su argomenti di vario tipo: specialmente in merito ai ristori. Se si chiude ancora una volta, bisognerà tutelare quelle categorie che subiranno – inevitabilmente – altre perdite.

Sicuramente, l’Esecutivo farà il punto entro pochi giorni: manca davvero meno di quanto si possa pensare per capire che Natale e Capodanno ci aspetta. L’epilogo potrebbe, però, deludere qualcuno.