Come lavare i maglioni di lana: i trucchi infallibili ed efficaci

Come lavare i maglioni di lana? Non è poi così difficile, basta seguire qualche piccolo trucchetto, scopriamo quale.

Maglione
Foto:Pixabay

Con l’arrivo delle basse temperature si sa che si indossano capi pesanti come felpe, maglioni, giubbotti e cappotti, per non dimenticare sciarpa e cappello.

Sono capi davvero indispensabili per proteggerci dalle basse temperature e dal vento e umidità, ma purtroppo quando si indossano maglioni di lana e si devono lavare bisogna porre attenzione.

La lana è un tessuto molto delicato che se non si lava in modo corretto si rischia di rovinarlo, teme soprattutto le alte temperature. Ma come si può lavare preservando il tessuto? Scopriamo come lavare i maglioni di lana in modo corretto e senza infeltrirli cin trucchi infallibili.

Maglioni di lana: ecco come lavarli in modo corretto

maglia
Foto:Pixabay

L’inverno è in arrivo, mancano pochissimi giorno, si sa che non si riesce proprio a farne almeno dei bei caldi e soffici maglioni di lana. Spesso anche quando si è in casa si indossano quindi si possono sporcare facilmente. Ma quando si devono lavare è necessario farlo a basse temperature. La lana è un tessuto molto delicato, richiede cura non solo durante il lavaggio, ma anche dopo, scopriamo il perchè.

-Leggere l’etichetta: il primo step da seguire prima di lavare, in ogni maglione c’è sempre,  riportano le informazioni necessarie per un lavaggio in tutta sicurezza. La lana è un tessuto delicato che richiedono temperature basse e utilizzo di detersivi poco aggressivi.

-Detersivo specifico: hanno formulazioni per proteggere le fibre. Infatti il maglione di lana rischia di infeltrirsi, motivo per cui esistono in commercio detergenti adatti per questi capi. Leggete sempre le indicazioni riportati sulla confezione, soprattutto per evitare di mettere troppo detersivo.

-Pretrattare: se ci sono delle macchie potete mettere in ammollo il maglione in una bacinella con metà aceto di vino bianco e due gocce di olio essenziale di eucalipto. Lasciate in ammollo e poi delicatamente strofinate bene.

-Lavaggio a mano: è quello consigliato, un modo sicuro per proteggere le fibre. Basta mettere in una bacinella acqua tepida con il detersivo liquido, poi lasciate in ammollo per 15 minuti. Sciacquate per bene per eliminare ogni traccia di detersivo e mettete in una bacinella con acqua e ammorbidente e lasciate in ammollo per un’ora. Poi sciacquate e strizzate delicatamente. Se sull’etichetta c’è il simbolo della centrifuga potete farla in lavatrice in caso contrario no.

-Lavaggio in lavatrice: è possibile dove c’è il simbolo. E’ importante fare una premessa le lavatrici di ultima generazione hanno programmi specifici e molto dettagliati, quindi di solito prevedono programmi adatti ai capi in lana. Impostate e procedete come da programma, la temperatura deve essere di 30 gradi massima, oppure optate per il lavaggio con acqua fredda. Non tutti i capi si possono lavare alla stessa temperatura.

-Stendere: i maglioni vanno stesi con un certo criterio, sicuramente li dovete proteggere dal sole diretto, soprattutto per i colori chiari. Dopo il lavaggio li dovete subito e non lasciarli nel cestello della lavatrice.

-Stirare: potete anche omettere questo passaggio, ma se proprio ritenete necessario, mettete sopra un asciugamano in cotone, poggiate il ferro da stiro e stirate. L’asciugamano eviterà che le fibre diventano lucide.

Consigli

Per prolungare il profumo dei maglioni di lana, procedete in questo modo. I maglioni si devono asciugare bene all’aria aperta, poi piegate e riponete nell’armadio o cassetti, mettete anche dei sacchetti con erbe aromatiche per prolungare il profumo.

Scegliete coi quello che preferite, ad esempio la lavanda è quella più utilizzata, ma sono gusti personali. Ogni qual volta che aprirete i cassetti sentirete un profumo fresco e delicato. In alternativa potete versare alcune gocce di olio essenziale su dei sacchetti contenenti i chicchi di riso, avvolgete in un canovaccio di cotone e riponete tra i capi.