Il 45% dei single teme questa domanda a Natale, hai capito qual é?

A Natale i parenti non mancano di fare questa domanda mettendo in crisi tutti i single presenti . A quale domanda ci stiamo riferendo?

Domande imbarazzanti Natale
Photo AdobeStock

Il Natale si avvicina e quest’anno qualcuno si dice felice della chiusura dei comuni di cui parlano gli ultimi Dpcm causa Covid-19, e sono soprattutto i single. Ebbene si tutte le riunioni con i parenti sono particolarmente temute dai single per via di una domanda che sembra non mancare mai a Natale e che rappresenta l’incubo di ben il 45 % di loro. Un fatto davvero curioso. Hai già capito di quale domanda stiamo parlando?

La domanda più temuta a Natale

Natale domande imbarazzanti
Photo Adobe Stock

Forse è temuta perché è una domanda che interferisce troppo con la sfera privata di ognuno di noi oppure perché ci mette in imbarazzo o ancora perché rientra in quelle domande fastidiose alle quali non si sa mai cosa rispondere.

Una cosa è certa, ad ogni natale c’è sempre la zia impicciona che non manca di chiedere a chi è sigle: “Come mai non hai ancora trovato un fidanzato/a?”

Chi più chi meno, non si non può evitare di sentire l’imbarazzo crescere dentro. Le reazioni sono tante e diverse. Chi fa il broncio, chi le spallucce, chi inventa sul momento una risposta ironica o ribadisce che si sta bene anche da soli per poi girare educatamente i tacchi ed andare a bere qualcosa di alcolico, ma questa domanda non può non imbarazzare.

Nessuno che ti chiede come stai, se hai bisogno di qualcosa o che almeno si degnasse di non metterti in imbarazzo davanti a tutta la famiglia. Se succede anche a te non sentirti solo, non sei l’unico, quasi la metà dei single su questo pianeta lamenta la stessa cosa.

A quanto pare le “domande scomode” sarebbero la principale causa del malessere durante
i ricongiungimenti familiari durante ai quali ai single non è dato rilassarsi. A confermarlo è uno studio condotto nel 2019 dal sito di incontri Happn, in occasione delle festività di fine anno.

I risultati dello studio mostrano una percentuale elevata di single infelici, il 45% single intervistati di età compresa tra i 25 ei 49 anni afferma di avvertire la pressione derivante da questo tipo di domande.

Queste pressioni si devono a meccanismi sociali secondo i quali vige l’idea che se una persona di una determinata fascia di età non ha figli ne famiglia è una persona problematica o comunque non ha trovato realizzazione.

“Il Natale è il momento magico delle coppie e della famiglia, l’occasione per condividere il partner con la famiglia, una famiglia che guarda con troppa insistenza ai single per i quali diventa un soggetto un po’ epidermico. È difficile sfuggire all’atteggiamento ‘interrogativo’, anche leggermente invadente, della famiglia ”, ha spiegato il sociologo Ronan Chastellier per Happn.

Natale in famiglia
Photo FreePik

Se il Natale si fa con i tuoi il Capodanno si fa con chi vuoi, i single non hanno nulla da temere infatti sembra essere esclusivamente una fonte di festa tra l’alto la più gettonata per fare nuovi incontri per il 55% degli intervistati, molti dei quali sono convinti che le storie che nascono sotto la benedizione di San Silvestro abbia buone possibilità di trasformarsi in una relazione duratura magari l’occasione per avere qualcuno da presentare ai parenti al Natale successivo. C’è un solo piccolo problema, questo sondaggio risale ai tempi in cui non incombeva il Coronavirus, quest’anno la magia del Capodanno sarà sicuramente diversa.