Viaggiare sicuri con la pandemia? Ora si può con un volo Covid-free

Viaggiare in sicurezza con la pandemia non è più un problema. E’ partito da New York, con atterraggio a Fiumicino, il primo volo Covid-free, che azzera la quarantena per i passeggeri

aereo
(Getty Image)

Viaggiare in sicurezza in aereo ai tempi della pandemia? Ora si può, senza preoccupazioni, grazie ad una apposita organizzazione. La novità arriva dall’America da dove è partito, con atterraggio a Fiumicino, il primo volo Covid-free. Una vera e propria conquista, arrivata nel bel mezzo dell’emergenza sanitaria, e che è destinata a rivoluzionare tutti i protocolli tradizionali.

Per il volo decollato dagli Stati Uniti, è stato seguito uno schema organizzativo preciso. Tampone in partenza per tutti i viaggiatori e secondo test rapido all’interno dell’aeroporto di Roma. Ma la novità più importante consiste nel fatto che, per i passeggeri di questa tipologia di voli, non è più prevista la quarantena una volta arrivati a destinazione.

Quindi i passeggeri arrivati da New York in Italia (esclusivamente per motivi di lavoro, salute o residenza) non dovranno mettersi in isolamento fiduciario perché, i controlli effettuati, hanno escluso ogni possibile contagio da coronavirus.

Insomma, si tratta di un’iniziativa davvero importante, fortemente voluta da Aeroporti di Roma (Adr) per riprendere i contatti con gli Usa interrotti proprio a causa della pandemia. Quello sbarcato a Fiumicino (che per il terzo anno consecutivo ha vinto il titolo di ‘Miglior Aeroporto d’Europa’) è il primo volo Covid-free organizzato a seguito di un accordo siglato tra Adr, Alitalia e Delta.

Un’intesa perfetta per un obiettivo comune: creare un corridoio pulito, senza alcun rischio di contrarre il virus. E così è stato. Tutti i passeggeri atterrati a Roma dal volo Alitalia, hanno viaggiato indossando correttamente la mascherina per tutta la durata del volo e sono stati sottoposti gratuitamente al tampone rapido, attraverso un ‘percorso sicuro’ appositamente creato in aeroporto.

Un’organizzazione, particolarmente apprezzata dai passeggeri, ma anche una modalità che consente di riprendere a volare senza rischi per la salute. I risultati dei test effettuati ai 100 passeggeri provenienti dagli States sono arrivati in tempi record, soltanto un’ora dopo la somministrazione. Gli esiti, tutti negativi, hanno quindi permesso lo sbarco in sicurezza.

Volo Covid-free New York-Roma: il percorso sanitario

aeroporto
(Getty Images)

Per il volo proveniente da New York è stato attivato un percorso sanitario molto articolato. Dopo essere scesi dall’aeromobile della compagnia aerea italiana, i viaggiatori (molti dei quali italiani e già muniti di apposita certificazione rilasciata negli States attestante la negatività al Covid-19) sono stati sottoposti nuovamente a test antigenico.

Per l’occasione, presso lo scalo romano, sono state allestite 12 strutture di testing rapido, organizzate sul modello di quelle già funzionanti presso l’aeroporto Leonardo da Vinci, con il supporto della Regione Lazio.

Quelli Covid-free sono stati ribattezzati anche “voli tested”. A loro è affidata una missione particolare: riportare il traffico aereo a pieno regime, azzerando i rischi per la salute. Con la pandemia il settore dei voli è stato piegato in due. Una crisi profonda per la quale, stando a quanto riferito gli addetti ai lavori, ci sarebbero state perdite ingenti, fino a 250mila euro al minuto.

Le compagnie aeree, al momento, sopravvivono soprattutto grazie ai sostegni finanziari dei governi. I passeggeri sono pochi e, questo, è conseguenza diretta delle restrizioni in vigore per il contenimento del contagio. L’Italia paga un prezzo altissimo, perché privata del prezioso turismo estero.

La speranza di una ripresa è tutta riposta nel voli Covid-free, ‘ricetta sicura’ per la sicurezza dei passeggeri. Ma si punta in questa direzione anche per favorire la ripartenza del settore turistico che, in Italia, includendo tutti i vari indotti, vale il 13% del Pil nazionale.

Le compagnie aeree guardano fiduciose al 2021. L’attesa è tutta per il vaccino che, certamente, contribuirà a restituire un senso di maggiore sicurezza ai viaggiatori.

aeroporto
(Getty Images)

A partire dal nuovo anno, per volare, sarà necessario il passaporto sanitario digitale. Lo strumento permetterà, alle compagnie aeree, di conoscere subito lo stato di salute dei passeggeri e di sapere, anche, se avranno effettuato o meno la vaccinazione anti-Covid.