Paolo Rossi, l’ultimo omaggio al campione: il saluto social dei colleghi

Il mondo dello sport, del calcio e della politica piange Paolo Rossi. Il campione dell’Italia scomparso all’età di 64 anni. Il saluto di colleghi ed amici, il cordoglio del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

Paolo Rossi, il saluto social di colleghi e amici (Getty Images)
Paolo Rossi, il saluto social di colleghi e amici (Getty Images)

Il mondo del calcio piange un altro campione: dopo la dipartita di Diego Armando Maradona, ad andarsene è Paolo Rossi. Lo sport italiano lo ricorda per le imprese ai Mondiali dell’82 e per le gesta con la maglia della Juventus: un predestinato, un campione, di quelli che fanno la storia.

Epilogo che purtroppo, però, non è piaciuto a molti. Sono in tanti, fra colleghi, estimatori e amici ad esser rimasti senza parole. Il dolore ha spiazzato molti, per questo non mancano i messaggi di affetto e dispiacere da parte di quelli che un tempo erano stati suoi compagni o semplici avversari in campo.

Addio a Paolo Rossi. Il mondo dello sport e della politica piange il campione

Paolo Rossi, il dolore sui social, messaggi di affetto e stima al campione (Getty Images)
Paolo Rossi, il dolore sui social, messaggi di affetto e stima al campione (Getty Images)

Da Trapattoni a Conti, passando per Zoff e Boniek. Su Twitter e nelle agenzie si susseguono i messaggi di cordoglio e le testimonianze: il primo a dare la ferale notizia, Enrico Varriale, giornalista con cui Pablito ha condiviso gli ultimi anni in Rai come opinionista e commentatore degli Azzurri. Proprio quella maglia azzurra ha dato tante soddisfazioni nel recente passato al 64enne, che ci ha lasciato sopraffatto da un male incurabile.

“I giocatori non dovrebbero morire prima degli allenatori”, si è limitato a constatare amaramente Giovanni Trapattoni. “Come te, Paolo, ne nascono in pochi”, sottolinea la Juventus con un’accorata lettera diffusa anche sui propri canali social ufficiali. “Piango un amico vero. Con te non solo ho vinto, ho anche vissuto”, incalza il polacco Zibi Boniek. Conti, invece, ricorda le gesta con l’Italia: “Ci hai portato sul tetto del mondo, maledetto 2020. Riposa in pace, amico mio”.

Il Premier Conte e l’omaggio a Pablito: “Ha regalato un sogno a generazioni”

Significativo anche il messaggio del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte: “Nell’estate del 1982 con i suoi gol ha regalato un sogno a intere generazioni. È stato il simbolo di una Nazionale e di un’Italia, unita e tenace, capace di battere avversari di enorme caratura. Addio a Paolo Rossi, indimenticabile campione. L’Italia ti ricorderà con affetto”.

Il cordoglio del Premier rappresenta anche lo sgomento di un’intera classe politica che si rispecchia nei valori sportivi ed etici espressi dal campione nel tempo. Icona, baluardo di un calcio che non c’è più e forse rappresentante di un’etica sportiva, sociale e civile incredibilmente sfiorita.