Vaccini anti Covid, l’annuncio: il piano dell’Italia per il 2021

Vaccini anti Covid, l’annuncio del commissario Arcuri: c’è un piano in Italia per il 2021, durerà almeno nove mesi prima della fine

Vaccino anti Covid, l’annuncio sui tempi (Getty Images)

Ormai ci siamo, entro fine mese arriveranno le prime autorizzazioni per i vaccini anti-Covid in Europa e quindi anche l’Italia dovrà farsi trovare pronta. Ma il piano per le vaccinazioni di massa in realtà esiste già anche se tutti gli esponenti del governo a cominciare dal Premier Conte insistono sul fatto che non  sarà obbligatorio.

Ad illustralo per sommi capi oggi è stato il commissario straordinario all’emergenza Covid Domenico Arcuri, ospite di Lucia Annunziata a ‘Mezz’ora in più’ su Rai 3. Il mesaggio arriva forte e chiaro: “Se i tempi saranno rispettati penso che entro settembre potremo vaccinare fino a 60 milioni di italiani”.

I tempi per le prossime tappe sono già scritti. Se sarà rispettata la tabella di marcia degli istituti di certificazione europei e di conseguenza di quelli italiani, ci sarà il via libera per i sei vaccini nella fase finale di sperimentazione. Quindi nel nostro Paese tra la fine di gennaio 2021 e il marzo 2022 arriveranno 202 milioni di dosi.

Ma quali saranno le priorità di somministrazione dei vaccini? Sicuramente chi non ha avuto il Covid passerà prima di quelli che invece l’hanno avuto, perché non sono immuni. Quindi una volta esaurite le vaccinazioni più urgenti, quelle al personale sanitario, ai soggetti più anziani e a quelli a rischio, poco alla volta toccherà a tutti gli altrl. Quelli già contagiati lo riceveranno, ma non sono la priorità. E Arcuri ha spiegato che anche i migranti saranno vacinati perché hanno diritti uguali a quelli dei cittadini italiani.

Covid, Arcuri annuncia un piano imponente
Il commissario all’emergenza Domenico Arcuri (Instagram)

Vaccini anti Covid, scelto il deposito per stivare tutte le dosi che arriveranno in Italia: è nel Lazio

Il governo ha già anche deciso dove saranno conservate tutte le dosi di vaccino che arriveranno in Italia. Saranno gli hangar della base aeronautica di Pratica di Mare, vicino a Roma. Le fialette poi saranno trasportate e distribuite in tutto il Paese con camion della Difesa e l’utilizzo di elicotteri.

Pratica di Mare farà da centro di smistamento anche per lo stoccaggio e trasporto delle dosi che hanno bisogno della catena del freddo a -75° sia quelli per il freddo standard. In particolare per questi ultimi sarà previsto un modello di distribuzione con una serie di siti territoriali.

Oltre ai punti di vaccinazione tradizionali come gli ospedali, sarà possibile passare anche nei drive-through con la macchina, prenotandosi nei giorni precedenti. Tutti in fila, ma dentro le proprie auto, fino al momento della vaccinazione. Si scende, ci aspetta un pool con un medico e quattro infermieri che farà la puntura. Il tempo di terminare le pratiche e sarà rilasciato un certificato.