De Luca, attacchi e promesse: “Campania salva nonostante il governo”

Vincenzo De Luca è tornato a puntare il dito contro il governo per le decisioni amministrative che hanno coinvolto la Campania e promette una rivoluzione.

Vincenzo De Luca fa scattare il coprifuoco in Campania (Instagram)
Vincenzo De Luca (Instagram)

Nel corso della conferenza stampa dal palazzo della Regione, che è andata in onda oggi 4 Dicembre, Vincenzo De Luca ha avuto parole durissime contro il governo, accusato di aver applicato in Campania delle misure dettate da motivi politici e non da oggettività scientifiche.

Il Presidente ha attaccato i detrattori della Regione ma ha anche promesso che nel futuro della Campania ci sarà una vera e propria rivoluzione, che risolverà tutti i problemi più gravi che da tempo soffocano la regione più popolosa del Sud.

Vincenzo De Luca: “I risultati della Campania sono merito mio”

Vincenzo De Luca, scatta il coprifuoco in Campania (Instagram)
Vincenzo De Luca (Instagram)

Per Vincenzo De Luca si sarebbe dovuto chiudere tutto lo scorso Ottobre: provvedimenti a “fasce di colore” che sono stati messi in atto negli scorsi mesi sono stati, a suo modo di vedere, una vera e propria follia.

“Nelle zone rosse erano chiusi esclusivamente i negozi di abbigliamento e calzature per adulti. Era possibile uscire dal comune per andare dal barbiere, se il barbiere prescelto si trova in un comune differente” ha affermato il governatore della Regione Campania.

Inoltre, De Luca ha bollato come errori clamorosi le scelte fatte dal governo in merito all’assegnazione dei nuovi colori alle regioni italiane. “Ci sono zone che dovrebbero uscire dal rosso avendo 4 o anche 5 volte i ricoveri in terapia intensiva della Regione Campania” ha tuonato il Presidente De Luca, sottolineando anche che la percentuale di tamponi positivi su tutti quelli effettuati in Campania si è attestata ormai al 9%.

“La Campania è la regione italiana che ha gestito meglio la seconda ondata dell’epidemia” ha affermato con forza De Luca, spiegando che tutti coloro che diffondono fake news e che sviliscono senza prove il lavoro degli organi amministrativi campani saranno querelati.

Su una cosa, però Conte e De Luca sono perfettamente d’accordo: la necessità di applicare misure di rigore nel corso del periodo natalizio, per evitare che i contagi tornino a crescere dopo mesi di sacrifici.

Il pericolo è infatti, secondo De Luca, che la terza ondata della pandemia di Coronavirus si possa sviluppare a Gennaio, in concomitanza con il periodo in cui si verifica il picco dell’influenza stagionale. In quel caso, avverte il Presidente, non ci sarebbe modo di gestire il flusso di pazienti che arriverebbe negli ospedali campani.

Giuseppe Conte diretta
Foto da Facebook @GiuseppeConte64

Al fine di inasprire le misure già emaate dal governo con l’ultimo DPCM, De Luca ha affermato di avere intenzione di proibire ai campani di recarsi nelle seconde case per trascorrere i periodi delle feste.

Per il futuro della sua amministrazione, invece, De Luca ha promesso agli elettori di fare una vera rivoluzione in Campania, risolvendo i grandi problemi ambientali, riqualificando le periferie e soprattutto digitalizzando la pubblica amministrazione per abbattere i suoi costi di mantenimento e offrire ai cittadini servizi più efficienti.

Nel frattempo, le notizie che sono arrivate nelle ultime settimane dal Cardarelli, il più grande ospedale cittadino, non sono esattamente tra le più rincuoranti e fotografano una realtà molto diversa da quella che l’amministrazione De Luca immagina per il futuro.