Cashback di Natale: -4 giorni al via. Serve la App IO

Natale 2020: tutto pronto per il Cashback di Stato tramite App IO, appositamente aggiornata per l’adesione al programma. Si parte l’8 dicembre. Di seguito tutti i dettagli

Tutto pronto per il Cashback di Stato. Si parte l'8 dicembre
Cresce l’attesa per la lotteria degli scontrini (Pixabay)

Tutto pronto per il Cashback di Natale, mancano solo 4 giorni. Si parte l’8 dicembre, primo rosso in calendario. Per partecipare alla lotteria degli scontrini sarà necessario scaricare la App IO, appositamente aggiornata.

Con questa iniziativa lo Stato punta a dare una scossa adrenalinica all’economia, piegata in due dal Covid (si pensi ad esempio al settore degli eventi) e ad incentivare gli acquisti con carta di credito, in favore di una maggiore tracciabilità.

In sostanza, verrà riconosciuto un sistema di extra cashback per gli acquisti effettuati nel mese di dicembre. Su un totale complessivo di 1500 euro, ottenuto accumulando più scontrini di acquisti (effettuati rigorosamente con pagamenti digitali), si avrà indietro il 10%, ovvero 150 euro (tetto massimo per il rimborso).

C’è una condizione precisa però; saranno presi in considerazione soltanto gli acquisti effettuati in negozi fisici, cioè quelli di prossimità. L’online è tagliato fuori dall’iniziativa.

Il punto di forza del Cashback è la restituzione di una quota di quanto speso per acquisti effettuati con carta. Il rimborso è pari al 10% di ogni spesa effettuata, con un tetto massimo pari a 15 euro per ogni acquisto e a 150 euro per la totalità delle spese effettuate in un singolo periodo.

E’ bene sottolineare che non c’è un tetto minimo di spesa. Valgono tutti gli acquisti effettuati con carte o app di pagamento in negozi, bar, ristoranti, supermercati, grande distribuzione, artigiani e professionisti (avvocati, medici ecc.).

Ma come si partecipa alla lotteria degli scontrini? E’ presto detto. Tramite App IO (scaricabile dai principali store), aggiornata giusto in tempo per il Cashback di Stato. In alternativa, si può utilizzare direttamente il sistema messo a disposizione dal negozio inserendo i seguenti dati per la registrazione:

  • estremi identificativi di uno o più carte (credito, debito, PagoBancomat) o attivare il Cashback su account Satispay. Da gennaio 2021 sarà possibile inserire anche account Bancomat Pay e, poi, Apple Pay, Google Pay e altre tipologie di carte e app che vorranno aderire al programma.
  • codice IBAN del conto su cui si vogliono ricevere i rimborsi.

Il portale ufficiale del programma governativo è raggiungibile all’indirizzo cashlessitalia.it

In ogni caso, quale che sia il metodo preferito, l’adesione all’iniziativa è su base  esclusivamente volontaria. E’ fondamentale, comunque, essere in possesso dello SPID, tramite il quale effettuare i primi passaggi, che rappresentano una sorta di iscrizione. La partecipazione vera e propria al programma scatta con il primo acquisto effettuato.

Natale col Cashback. Nel 2021 arriva il Supercashback

Cashback di Natale. Nel 2021 si raddoppia con il Supercashback
Nel 2021 parte il Supercashback (Istock)

Il Cashback di Stato sarà valido per tutto dicembre 2020 (con rimborso a febbraio). Nel 2021, però, le condizioni cambieranno. Sarà infatti necessario effettuare almeno 50 acquisti per ogni semestre. I periodi saranno distribuiti così: gennaio-giugno 2021; luglio-dicembre 2021; gennaio-giugno 2022.

Per questa nuova variante restano però confermate le principali condizioni per avere il rimborso, che sarà di 15 euro per ogni acquisto e di 150 euro nel semestre. In sostanza si avrà un rimborso massimo di 300 euro all’anno, con almeno 100 operazioni di pagamento digitale, effettuate metà nel primo semestre e metà nel secondo.

Ma c’è di più. Lo Stato ha previsto anche un Supercashback, che assegna un premio ai primi 100mila acquirenti che effettueranno il maggior numero di operazioni in ogni semestre. Insomma un tesoretto da assegnare ai più affezionati, che sarà pari a 1500 euro per ogni semestre.

Il governo Conte, con il piano ItaliaCashless, punta ad incentivare il più possibile i pagamenti digitali. Il tutto, con l’obiettivo di combattere l’evasione e assicurare più entrate all’Erario.

Mancano ancora 4 giorni al varo dell’iniziativa ma, tra le parti politiche, è già polemica. Sono molti i malumori nel Centrodestra, che non vede di buon occhio il programma. Duro il commento di Giorgia Meloni su Facebook.

“Se paghi con carta di credito – ha commentato la leader di Fratelli d’Italia – e fai così sapere a Conte, Casalino, Di Maio, Gualtieri, l’Agenzia delle Entrate e lo Stato tutto quali sono le tue abitudini, cosa ti piace, cosa compri e da chi e a che ora, allora partecipi a una “lotteria dello Stato” (cioè pagata anche da te). Poi Conte, Casalino, Di Maio, Gualtieri, l’Agenzia delle Entrate e lo Stato tutto potranno valutare se fai spese “immorali” oppure se sei un cittadino socialmente accettabile”.

Il centrodestra critica l'iniziativa Cashless Italia
Cashless Italia, si parte l’8 dicembre (Getty Images)

Saranno gli italiani a decidere se aderire o meno a al Cashless Italia. Tra bonus, incentivi a fondo perduto per la ristorazione e altre misure, il Governo le prova tutte per cercare di salvare l’economia che ruota attorno alle festività natalizie. Basterà? Forse sì, forse no. Lo diranno i numeri.