Farà freddo questo inverno? Puoi scoprirlo osservando i semi di cachi

Esiste un modo molto particolare di predire che tipo di inverno ci attende, risiede in una antichissima tradizione contadina e si affida ai cachi.

interpretare semi del cachi
Photo Adobe Stock

Sembra una sorta di rito magico propiziatorio, in parte lo è, questa antica tradizione contadina ha origini molto lontane. Quando i meteorologi non facevano ancora le loro previsioni, non c’erano i satelliti, non esisteva la tv, i contadini per prepararsi all’inverno e sapere se li attendeva un rigido e freddo inverno o un inverno più mite, semplicemente si gustavano un cachi e leggevano il loro destino aprendo i suoi semi.

I semi del cachi erano molto affidabili e quasi mai hanno predetto il falso.

Come leggere i semi dei cachi e capire se sarà un inverno freddo

Cachi semi
Photo Adobe Stock

I semi dei cachi sono sempre stati considerati dei semi un pò magici. Chi non ha avuto un nonno che da bambini ci ha fatto strabuzzare gli occhi aprendo un seme di cachi e facendoci osservare le posate al suoi interno?. Coltello, forchetta o cucchiaio, sagomati perfettamente, bianchi emergevano sullo fondo marrone del seme del cachi.

I contadini si affidavano a questo magico seme per capire l’intensità del freddo dell’inverno che stava per arrivare. Tenendo i semi in mano si chiedevano: “Che tempo farà quest’inverno?” e il cachi rispondeva.

La risposta non era quasi mai deludente, così di anno in anno, quando compariva questo frutto autunnale i contadini gli ponevano sempre la stessa domanda.

Questo metodo ad oggi non ha alcuna validità scientifica. Il potere del seme dei cachi è un segreto di madre natura ed è rimasto tale.

Provate voi stessi a chiedere al cachi quanto freddo farà questo inverno. Tutto quello di cui avete bisogno sono dei cachi. Apriteli, prendete i suoi semi marroni che si trovano nel centro del frutto, in mezzo alla polpa arancione, e asciugateli con un tovagliolo per renderli meno scivolosi.

Una volta pulito il seme dovrete compiere una semplicissima operazione: dovrete tagliare il seme a metà seguendo la sua lunghezza. Dovrete ottenere due metà proprio come faceva vostro nonno col gioco del cucchiaio coltello e forchetta.

Una volta aperto il seme notate la forma del filamento bianco all’interno del seme, questo filamento altro non è che il germoglio del seme. A quale posata corrisponde il filamento? la risposta è collegata all’intensità del freddo:

semi del cachi
Photo Adobe STock

La forchetta: l’inverno sarà mite

Il cucchiaio: l’inverno sarà freddissimo e ci sarà tanta neve da spalare

Il coltello: il freddo sarà tagliente

Mangiare i vachi fa bene alla salute

Il cachi è un frutto che nasce in autunno per aiutarci a contrastare le malattie di raffreddamento legate al freddo potenziando le nostre difese naturali. Il cachi infatti è ricco di vitamina c, contiene circa 65 mg di vitamina C su 100 mg di prodotto, un contenuto elevato che però varia in base al grado di maturazione. Inoltre il cachi contiene sali minerali come potassio e manganese e fibra.

Questi elementi rendono il cachi un ottima alternativa naturale per contrastare la stanchezza e potenziare il sistema immunitario.

Da non trascurare sono anche le proprietà antiossidanti di questo delizioso frutto dalla polpa di un arancione vivissimo, tipico dei polifenoli contenuti in tutti i frutti rossi. Il cachi deve la sua colorazione anche al contenuto di carotenoidi (pigmenti vegetali). Come la curcuma, il cachi contiene antiossidanti che aiutano a proteggere le cellule del corpo, contrastano i radicali liberi e aiutano a ridurre il rischio di malattie cardiovascolari.

Mangiare cachi aiuta a prevenire lo sviluppo di alcuni tumori, in particolar modo a livello del colon e del sangue), questo perché vanta proprietà digestive, che svolgono contemporaneamente un ruolo nella protezione dello stomaco e nella pulizia dell’intestino. In caso di problemi di digestione, con la giusta quantità di fibre e acqua, hanno proprietà lassative e diuretiche, mangiare cachi aiuta a regolare naturalmente la digestione pigra.

Inoltre aiutano a contrastare l’insorgere delle malattie legate all’invecchiamento, i cachi sono molto efficaci per l’integrità della pelle.

E’ un frutto delizioso ma ben tollerato dai diabetici poiché modera le complicanze causate dal diabete.

Il sono importanti per la corretta crescita dei bambini e hanno effetti positivi anche sulla vista.

Il cachi è considerato un frutto energetico, consigliato a bambini e sportivi.

Per tutti questi motivi dovresti fare il pieno di cachi in questa stagione e godere di tutti i suoi benefici.