Ficarra e Picone, il vero motivo dietro l’addio a “Striscia La Notizia”

Ficarra e Picone svelano il vero motivo dell’addio a Striscia la Notizia dopo ben 15 anni nello show. Scopriamo insieme le vere motivazioni del duo comico.

ficarra e picone lasciano striscia la notizia
Ficarra e Picone (Istagram)

Dopo l’annuncio struggente in diretta, Ficarra e Picone svelano la vera motivazione che si cela dietro la loro decisione di lasciare Striscia La Notizia.

Verso la fine dalla puntata del 30 Novembre, il duo comico aveva annunciano la fine del loro rapporto collaborativo con Striscia La Notizia, show che gli ha dato casa per circa 15 anni. Lasciando il pubblico da casa senza parole, Ficarra e Picone non avevano annunciato il motivo nascosto dietro l’addio.

Adesso invece, sono tornati a parlare. I due hanno rivelato in una lunga intervista concessa al Corriere della Sera le motivazioni dietro l’abbandono. Vediamole insieme

Dopo 15 anni, Ficarra e Picone hanno annunciato l’addio

Ficarra e Picone svelano il vero motivo dell’addio a Striscia la Notizia. Lo scorso 30 novembre la coppia di comici ha annunciato in diretta di voler lasciare il tg satirico di Antonio Ricci dopo ben quindici anni. Una decisione che ha colpito molto il pubblico e che, a quanto pare, sarebbe definitiva.

“Sicuramente sappiamo che Striscia ogni giorno è tra i programmi più visti, è una grande vetrina, una grande opportunità, ma adesso sentiamo il bisogno di cambiare. E poi le cose non sono belle solo perché le vedono tante persone, ci possono essere cose bellissime viste da pochi”.

Secondo le parole del duo comico, riportate dal Corriere della Sera, la motivazione al loro addio al programma sarebbe il desiderio di cambiamento. La voglia di portare un’ondata rivoluzionaria alla loro vita.

Dunque il motivo dietro l’addio sembrerebbe solo uno. Voglia di cambiaere. A svelarlo sono stati proprio i comici in un’intervista al Corriere della Sera.

“Sono trascorsi 15 anni, nel nostro lavoro ogni tanto ci sta di rimescolare le carte – hanno spiegato -. Era venuto il momento. È una scelta ponderata, che non è arrivata all’improvviso”. La decisione di lasciare la conduzione del tg satirico dunque sarebbe arrivata allo scopo di iniziare nuove avventure lavorative. “È una decisone che è nata e cresciuta nel tempo, come quando scrivi un film o uno sketch per la televisione: alla fine ti dimentichi chi ha avuto l’idea o ha cominciato a parlarne. Ne discutevamo tra di noi e poi ha preso sempre più forma, con leggerezza, tranquillità e già un briciolo di nostalgia che ci pervade”.

Un addio dolce amaro quello dei due conduttori e comici siciliani. Poi hanno parlato del loro rapporto con Antonio Ricci, anima della trasmissione, i rapporti sono ottimi: “È dispiaciuto quanto noi, ma ha compreso la scelta – hanno ammesso Ficarra e Picone -. Antonio ci ha fatto sentire fin dal primo giorno che Striscia non era casa sua, ma anche casa nostra. Ci ha fatto sentire sempre importanti. Anche umanamente. È sempre stato presente ai nostri debutti teatrali, è venuto a Siracusa per la prima delle Rane di Aristofane, non si perdeva mai le prime dei nostri film. Ci ha fatto sentire della famiglia”.

A volte basta davvero poco per cambiare.