Diego Maradona Jr: “Io, il Covid e le ultime parole scambiate con papà”

Diego Mardona Jr ha deciso di mentire a suo padre per non farlo preoccupare dopo l’operazione al cervello: il racconto straziante di come ha scoperto della sua morte.

Diego Sinagra, il figlio di Maradona
Maradona e Diego Armando Jr (Instagram)

Erano diventati sempre più uniti nel corso degli ultimi anni, tanto che in più di un’occasione Diego aveva compiuto dei gesti bellissimi nei confronti di suo figlio.

Purtroppo però Diego Sinagra, figlio primogenito del Pibe de Oro, si è trovato costretto a mentire a suo padre nel corso delle ultime telefonate che si sono scambiati. In una recente intervista in esclusiva il figlio di Maradona ha raccontato per la prima volta l’esperienza straziante di perdere il padre mentre stava combattendo la sua battaglia contro una forma grave di Coronavirus.

Diego Maradona Jr: “Scherzava e rideva, credevamo tutti in una ripresa”

il figlio di maradona
Diego Sinagra e Maradona (Instagram)

L’ultima volta che si sono sentiti è stato pochi giorni dopo l’operazione al cervello a cui Diego era stato sottoposto dopo il malore. All’epoca Diego Maradona sembrava in netta ripresa fisica e psicologica e anche il figlio era molto sollevato dal vederlo in salute.

Proprio per non dare al padre ulteriori preoccupazioni Diego Sinagra ha deciso di non informare il padre sul fatto che da diversi giorni stava combattendo con una forma molto grave di Coronavirus, che lo ha costretto al ricovero in ospedale e all’utilizzo prolungato dell’ossigeno per respirare.

“Ho avuto una polmonite bilaterale causata dal covid. Ho capito che questo virus, senza alcun motivo, sceglie delle persone e le colpisce forte. I polmoni vanno in difficoltà e non riesci più a respirare” ha commentato Diego Sinagra, affermando anche di essere perfettamente sano e di non avere alcuna patologia pregressa che potesse giustificare un attacco così forte da parte del virus.

Ha appreso della notizia della morte del padre mentre si trovava in ospedale, raggiunto telefonicamente da un giornalista che gli chiedeva di commentare quello che stava accadendo in Argentina.

Diego Jr, sconvolto, ha provato a contattare tutti, dalle sue sorelle agli avvocati per avere conferma di quello che il giornalista aveva accennato e, purtroppo, si rese conto che tutti i canali televisivi stavano battendo la notizia. Alla fine fu la moglie di Diego Jr a contattare il marito per confermargli definitivamente che suo padre era morto.

A quel punto Diego Jr, che ormai era risultato negativo al secondo tampone, chiese di lasciare prima del tempo l’ospedale in cui era stato ricoverato, nel tentativo di lasciare l’Italia e raggiungere il più rapidamente possibile l’Argentina.

Naturalmente i medici gli impedirono di prendere l’aereo, spiegandogli tra l’altro che non sarebbe stato possibile lasciare il paese. “A casa potevo tornare, ma mi dissero che se mi fossi messo su un aereo avrei rischiato dei danni molto gravi ai polmoni. Dopo qualche ora, capii che la scelta giusta era restare a Napoli con la mia famiglia”.

Il ricordo più straziante che Diego Jr conserverà di suo padre è, probabilmente, quello relativo all’ultima videochiamata: “Ci videochiamammo dopo la sua operazione alla testa. Ero già positivo al covid, ma non volevo preoccuparlo e non glielo dissi. Era sorridente, scherzò con me, mi prese anche in giro. Pensavo fosse in ripresa, lo pensavamo tutti. Non mi aspettavo quello che è accaduto”.

Oggi la certezza che Napoli non ha mai dimenticato il suo campione e che lo Stadio San Paolo sarà presto ribattezzato Stadio Diego Armando Maradona è probabilmente la più grande consolazione di Diego Jr, il ragazzo napoletano che è ormai sempre più simile al Diego Armando Maradona dei tempi d’oro.

Intervista completa su Serie A News => Maradona Jr.: “Nell’ultima chiamata papà rideva”