Covid, Ricciardi: “Ritorno alla normalità tra molti anni”

Emergenza Covid: per Walter Ricciardi ci vorrà del tempo, addirittura anni, per il ritorno alla normalità. Per Silvio Brusaferro, invece, la pandemia “ha generato uno stress che si prolunga e alcuni segni saranno permanenti”

Covid, per Walter Ricciardi si tornerà alla normalità tra molti anni
Walter Ricciardi (Foto da Instagram)

La pandemia da Covid-19 corre ancora veloce in tutto il mondo. Le nazioni attendono il via libera per accedere il vaccino ma, nel frattempo, si cerca di contenere la curva dei contagi. In Italia, quest’ultima, ha registrato una prima decelerazione ma la situazione, nel suo complesso, resta ancora critica.

Le persone sono stremate da mesi di restrizioni e divieti di ogni sorta. Il Bel Paese è diviso in tre aree di rischio, rossa, arancione e gialla a seconda dei diversi livelli di criticità.

La preoccupazione, ora, è tutta per le imminenti festività. Gli esperti raccomandano prudenza e l’Unione Europea, per i riti religiosi di Natale, Capodanno ed Epifania, invita le autorità ecclesiastiche a “valutare iniziative online” .La Cei ha già sapere che sarà garantita la massima sicurezza per tutte le cerimonie.

La sensazione è quella di una stanchezza diffusa. Quando finirà questo calvario? In tanti se lo chiedono. Prova a dare una risposta Walter Ricciardi e, le sue parole, sono poco confortanti. Per il consulente del ministro della Salute, Roberto Speranza, il ritorno alla normalità non sarà immediato.

“Quello che stiamo vivendo a causa della pandemia – ha detto all’Ansa Ricciardi – è un cambiamento epocale che la mente umana fa fatica a comprendere per cui tutti vogliono tornare alla normalità e sappiamo che questo non sarà possibile per molti mesi e probabilmente per molti anni”.

Ricciardi è consapevole del fatto che, alcune notizie, sono di forte impatto emotivo. Ecco perché ritiene che, a parlare di certi argomenti, debbano essere solo gli esperti. “Si fa fatica a dire certe cose – ha commentato il professore – ma noi scienziati ce lo possiamo permettere i politici no. Vogliono consenso e rassicurare i cittadini”.

Il messaggio è chiaro. Il professore Ordinario di Igiene e Medicina Preventiva dell’Università Cattolica del Sacro Cuore esorta al rispetto dei ruoli. Insomma, ad ognuno le proprie competenze.

Covid, Ricciardi: “Normalità tra anni”. Brusaferro concorda

Coronavirus, per Ricciardi il ritorno alla normalità sarà lento
Walter Ricciardi, consulente del ministero della Salute (Foto Facebook da https://www.facebook.com/ProfWRicciardi/)

E se il ritorno alla normalità sarà lento e progressivo, come avvisa Ricciardi, c’è un altro aspetto con cui fare i conti: il malessere psico-fisico causato dalla pandemia. Ne ha parlato Silvio Brusaferro in un recente forum con l’Ansa.

Per il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità l’emergenza sanitaria ha generato “uno stress che non è stato puntiforme, come un terremoto o un’alluvione, ma è uno stress che si prolunga per oltre un anno”. I tempi quindi si allungano, sì, ma di quanto?

Brusaferro fa una previsione un po’ amara. Ci vorrà ancora del tempo, la pensa proprio come Ricciardi. “Lo stress generato dalla pandemia ci accompagnerà ancora per un anno e mezzo circa, e stiamo mettendo in atto strategie di adattamento che lasceranno il segno in futuro, alcune probabilmente in maniera permanente”.

Dobbiamo prepararci mentalmente ad una ‘nuova normalità’? Probabilmente sì, a giudicare dalla parole di Silvio Brusaferro. E’ verosimile che, alcune dinamiche della routine quotidiana verranno riviste, se non addirittura sostituite del tutto.

Nell’attesa che inizi la distribuzione del vaccino (in Italia disponibile già a gennaio 2021) l’unica arma efficace resta la prevenzione, con le sue tre regole fondamentali: distanziamento fisico, mascherina e lavaggio frequente delle mani.

Per Silvio Brusaferro, però, lavare bene le mani non basta per ridurre il rischio di infezioni. E’ importante anche asciugarle bene e lo spiega su Twitter.

A tal proposito vale la pena sottolineare che, in questo periodo, è raccomandabile cambiare spesso la biancheria, per evitare che vi si accumulino germi e batteri.

Silvio Brusaferro fa il punto sull'andamento dell'epidemia
Silvio Brusaferro, Presidente dell’ISS (Facebook Facebook da https://www.facebook.com/MinisteroSalute/)

Il banco di prova per gli italiani (ma non solo per loro) saranno le prossime festività natalizie. Serviranno buon senso e responsabilità. Bisogna evitare il rischio una terza ondata all’inizio del nuovo anno e, su questo, tutti gli esperti concordano.