Come scegliere le padelle: mini guida da seguire

Vi occorre una padella ma non sapete quale acquistare? Ecco una piccola guida su come scegliere le padelle così da poter preparare le pietanze che desiderate.

Come scegliere le padelle
Foto:Adobe Stock

La preparazione di diversi piatti in cucina richiedono l’utilizzo di pentole e padelle specifiche, senza le quali non si può cuocere. Visto che si pone sempre attenzione durante la preparazione di piatti, cercando di portare a tavola cibi salutari ricchi in sostanze nutritive. Non basta scegliere solo alimenti di qualità, ma anche le padelle sono importanti, senza le quali non si possono cuocere o riscaldare piatti in modo sano. Le padelle vanno scelte secondo un criterio logico, devono essere di buona qualità e di materiale adatto al tipo di cottura, così da preservare la qualità dei cibi durante la cottura. Quindi devono essere stabili e robusti di materiale.

Noi di CheDonna.it siamo qui per darvi qualche piccolo consiglio su come scegliere le padelle.

Come scegliere le padelle: ecco la mini guida

Come pulire pentole
Foto:Pixabay

Non è proprio semplice scegliere una padella vanno fatte delle diverse considerazioni riguardanti il tipo di cottura da fare. Quindi la scelta di un materiale rispetto ad un altro è importante non tutti sono adatti a cotture prolungate. Ecco alcuni materiali di padelle che si trovano in commercio.

1- Teflon: un materiale antiaderente, quindi siete sicuri che in cottura i cibi non si attaccheranno al fondo, si riconoscono subito perchè il fondo della padella è scuro. Non hanno un costo elevato ma purtroppo hanno vita breve nel senso che il materiale si rovina facilmente. Le padelle in teflon si possono usare per la preparazione di pietanze che prevedono una cottura veloce. ma non per grigliare, e quando girate o prendete il cibo fatelo sempre con utensili non appuntiti che possano graffiare il fondo. Lavate sempre con detergenti delicati e non spugne abrasive.

2-Acciaio inossidabile:  una padella classica ma non adatta a tutte le cotture. Inoltre a differenza del teflon si pulisce facilmente e non si graffia. Inoltre ha il vantaggio che resiste anche a temperature elevate, ma non essendo antiaderente si possono attaccare i cibi in cottura. L’acciaio è un cattivo conduttore di calore infatti riscalda lentamente e si può raffredda velocemente quindi non mantiene i cibi caldi a lungo. Potete utilizzare la padella in acciaio per i cibi in cui il calore è trasmesso dall’acqua, per esempio per stufare dello spezzatino di carne o verdure, in cui la temperature si mantiene pressochè costante.

3- Simil-ceramico: una padella che ha preso il posto del teflon negli ultimi 10 anni circa. La padella realizzata in questo materiale è perfetto perchè garantisce una cottura perfetta in quanto la temperatura si diffonde in modo omogeneo. Ma si consiglia di aggiungere dei liquidi in cottura, come vino, brodo e acqua così non si attaccherà nulla sul fondo. Sono da preferire cotture con temperature medie ed evitate le fritture. Prestate attenzione al lavaggio non usate spugne abrasive e detersivi aggressivi, il materiale è delicato come il teflon quindi può graffiarsi facilmente, evitati gli utensili appuntiti o taglienti.

4-Ghisa: un materiale molto antico ma si utilizza ancora in molte cucine, per un semplice motivo, resiste a temperature elevate. La padella in ghisa si presta benissimo soprattutto se dovete grigliare, magari optate alla bistecchiera perchè è più pratica. Si consiglia di utilizzare questo materiale per le cotture lente, inoltre i cibi in cottura non si attaccano. L’unico svantaggio è il peso e non si presta a cottura di acidi o molto salati.

5-Terracotta vetrificata: questo materiale si presta benissimo per la cottura di sughi e pietanze che prevedono una bollitura lenta. La cottura nella padella di terracotta vetrificata garantirà una cottura omogenea e non solo gli alimenti non si attaccheranno, l’importante è che la fiamma non sia alta. Ponete attenzione quando utilizzate gli utensili così da non rovinare il fondo.

6-Vetro pyrex: si adatta a qualsiasi cottura anche quelle più prolungate, può essere utilizzato per la cottura in microonde o nel forno elettrico. Bisogna solo prestare attenzione quando si cuoce con la fiamma diretta, infatti talvolta viene sconsigliato. Ponete solo attenzione ai sforzi termici, perchè potrebbe creparsi il vetro.

7-Alluminio: molto preferito perchè il materiale è leggero ed è un buon conduttore di calore, garantendo una cottura omogenea. Inoltre il materiale garantisce una buona durata nel tempo.

Curiosità

In commercio si trovano diversi modelli che variano in base al materiale in cui sono preparate, sicuramente quelle in acciaio inox ideale per delle lunghe cotture come zuppe, stufati, legumi.  E’ fondamentale non farsi trovare impreparati, prima di acquistare le padelle leggete sempre su che piani cottura si possono usare e se si possono lavare in lavastoviglie qualora c’è l’abbiate. Non dimenticare mai di acquistare il coperchio adatto alla padella perchè per alcune cotture è indispensabile. Accertatevi sempre che i manici siano di un materiale non conduttore di calore, altrimenti sarebbe impossibile impugnare il manico durante la cottura e devono essere ben saldati.

Scegliete sempre materiali di qualità così da preservare anche le caratteristiche organolettiche delle pietanze in cottura. Ponete anche maggiore attenzione allo spessore del fondo, in quanto garantirà una buona distribuzione del calore.