Renato Zero piange in diretta per il pubblico: Mara Venier commossa

Renato Zero piange in diretta a Domenica In facendo una struggente dedica al pubblico: Mara Venier non trattiene le lacrime.

renato-zero-domenica-in-
Renato Zero a Domenica In – Screenshot da video

Renato Zero piange e si commuove a Domenica In vedendo le immagini di un suo vecchio concerto. Ad emozionare il cantautore è il pubblico che, negli anni, lo ha sostenuto e amato, incoraggiandolo in ogni istante della vita.

La lontananza dal suo pubblico che gli ha permesso di diventare il Renato Zero di oggi commuove il cantautore che, non trattiene le lacrime, non riuscendo, per un momento, neanche a parlare.

La stessa Mara Venier, sorpresa dalla reazione dell’amico Renato, si commuove a sua volta regalando al pubblico di Raiuno un momento meraviglioso di televisione, fatto di graditudine e amore vero di un grande artista verso il proprio pubblico.

Renato Zero, la dedica d’amore al suo pubblico: Mara Venier si commuove a Domenica In

mara-venier-domenica-in-
Mara Venier a Domenica In – Screenshot da video

Un breve filmato con le immagini del concerto con 60mila persone, Renato Zero si emoziona e regala le proprie emozioni al pubblico di Raiuno che ha apprezzato la semplicità con cui il padre di Roberto Fiacchini e il nonno di Virginia e Ada si è raccontato.

“Cosa ti commuove così tanto?“, chiede la Venier. “Il pubblico perchè lui è la ragione primaria”, risponde Renato perdendo le parole e piangendo in diretta. “La ragione primaria è la ragione primaria. Oltre questo c’è un silenzio di graditudine, di conforto, di carezze per molti di loro che sono venuti lì, si sono trasmessi questa fede, quest’abitudine di venirmi a trovare e questo fatto che un padre possa aver consegnato ad un figlio l’eredità di un pentagramma, di una storia, di una vita che non è marginale perchè la musica la consideriamo leggera e, invece, non è leggera. La musica popolare è la musica dei cuori, delle anime, delle speranze, della crescita, della guerra”, aggiunge.

“Io vorrei ringraziare tutti i miei amici Fabrizio De Andrè, Gino Paoli, Umberto Bindi, Sergio Endrigo, Domenico Modugno, Lucio Battisti, Lucio Dalla e tanti, tanti altri perchè si decide di fare questo soprattutto per gli esempi, quegli esempi che sono sempre meno in questo Paese, quegli esempi ai quali vorremmo affidare il nostro coraggio, la nostra volontà di essere migliori. Io sono stato un piccolo esempio, una piccola luce nel buio, ma loro (riferito al pubblico), sono il faro“, conclude Renato che poi si alza e rivolgendosi alla telecamere applaude il pubblico indicando il proprio cuore.