Bonus Spesa Novembre: quando arriveranno e come saranno gestiti

Giuseppe Conte
(Getty Images)

Il Governo ha messo a punto delle nuove misure per sostenere il reddito dei cittadini più bisognosi, i quali potranno contare su nuovi Bonus Spesa per il mese di Novembre.

Giuseppe Conte è alle prese con la nomina per il nuovo commissario della Calabria
Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte (Getty Images)

La crisi economica sta continuando a colpire le fasce più deboli della popolazione e, secondo dati Istat, nel corso del 2020 la povertà in Italia è aumentata di oltre il 100%.

Per questo motivo le misure a sostegno del reddito delle famiglie più bisognose sono state considerate di massima urgenza dal Governo, che ha stabilito di mettere in atto di nuovo le stesse misure della scorsa primavera.

Ancora una volta gli enti amministrativi territoriali, principalmente i Comuni, avranno la massima libertà di gestione dei fondi messi a disposizione del Governo per le varie città d’Italia, in maniera da rispondere nel modo più adeguato possibile a tutte le diverse necessità dei cittadini, che cambiano radicalmente anche a secondo del territorio in cui risiedono.

Bonus Spesa Novembre: a chi spettano e come usarli

Coronavirus e alimenti quali rischi si corrono
Fonte foto: AdobeStock

Il provvedimento non è ancora in essere, ma la bozza del prossimo Decreto Legge parla di un fondo da 400 Milioni di Euro che sarà destinato ai Comuni, i quali saranno chiamati poi a distribuirli alle famiglie bisognose attraverso la produzione di buoni spesa e generi di prima necessità.

 

Comuni dovranno cominciare ad erogare i propri aiuti a partire da una settimana dopo l’entrata in vigore del Decreto Legge.

Questo significa che ogni Comune potrà scegliere tra due diverse strategie. La prima, come appena detto, è l’erogazioni di buoni spesa, l’altra è la fornitura di generi di prima necessità attraverso la consegna della spesa a domicilio.

Per quanto riguarda invece la cifra assicurata dai buoni spesa di Novembre, pare si oscillerà tra buoni di 200 e di 500 €. Il discrimine sarà stabilito dal numero di componenti del nucleo familiare e probabilmente dal reddito residuo su cui la famiglia può ancora contare a seguito dei blocchi e delle chiusure delle scorse settimane.

Il Presidente della Commissione Politiche UE del Senato si è detto soddisfatto: era stato proprio lui, infatti, a chiedere al Governo di riattivare in maniera tempestiva queste misure di sostegno al reddito del cittadino, misure che lo scorso Marzo hanno letteralmente salvato moltissime famiglie italiane. “Si tratta di una risposta puntuale e precisa all’invito fatto al governo di provvedere a rifinanziare, nel più breve tempo possibile, una misura che aveva già dimostrato la sua grande efficacia durante la scorsa primavera”.

Ogni Comune dovrà rendere noti i criteri con i quali si procederà all’assegnazione dei buoni spesa Novembre sul proprio territorio e ci potrebbero essere delle profonde diversità nei criteri di assegnazione tra un Comune e l’altro.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Pesaro Live News (@pesarolivenews)

Bisogna inoltre specificare che i buoni spesa potranno essere utilizzati esclusivamente per l’acquisto di generi alimentari e di altri beni di prima necessità come ad esempio farmaci e mascherine.

Non sarà consentito, quindi, utilizzare i buoni spesa per l’acquisto di generi diversi e non necessari.

Starà naturalmente ai comuni vigilare sulla corretta distribuzione dei buoni, al fine di evitare spiacevoli episodi come quelli che si sono verificati negli scorsi giorni a Napoli.