Bonus Natale: ipotesi Governo su cashback ed extra. Cosa bisogna sapere

Nuova ipotesi sui banchi di Governo per quanto riguarda le spese natalizie. Ecco i dettagli che si conoscono sul bonus Natale.

DPCM Natale, le novità per i locali (Getty Images)

Il Natale è alle porte e con esso ci sarà bisogno di una corretta gestione delle feste in virtù della pandemia in corso. 

Sul tavolo delle ipotesi c’è naturalmente un DPCM valido per il periodo natalizio, ma su di esso non sono ancora stati comunicati maggiori dettagli.

Sicuramente però il Governo sta pensando a misure da mettere in campo per salvaguardare la nostra salute e permetterci allo stesso tempo di vivere le feste natalizie e quel sentimento di famiglia che a causa della pandemia non si sta riuscendo a vivere.

Per quanto riguarda gli spostamenti, il Ministro Speranza proprio in queste ore ha rilasciato alcune dichiarazioni molto importanti.

Nell’aria c’è però anche l’ipotesi di un bonus per il Natale.

Vediamo cosa si sa a riguardo ad oggi.

Bonus Natale: di cosa si tratta e quanti ne sono

DPCM Natale, cosa può cambiare a Natale (Getty Images)

In vista del Natale e per fa fronte alla pandemia, il Governo sta pensando quindi di mettere in campo misure preventive.

Questo Natale di sicuro sarà con pochi festeggiamenti a causa della pandemia di coronavirus, ma il Governo sta lo stesso tentando di sostenere l’economia anticipando le misure per diffondere e incentivare i pagamenti digitali.

Ad inizio Dicembre dovrebbe partire il piano del governo Conte sul cashback, meccanismo pensato proprio per incentivare i pagamenti elettronici.

Lo strumento sarebbe utile anche per scoraggiare l’evasione fiscale e agevolare le transazioni commerciali.

Il cashback riguarderebbe qualsiasi tipologia di acquisto dai generi alimentari all’abbigliamento, dai bar ai ristoranti, passando per spese mediche, purché effettuati negli esercizi commerciali.

Non sono incluse nella categoria di acquisti le spese fatte per acquisti di natura aziendale e professionale.

Sono inoltra per ora esclusi gli acquisti on line.

Il sistema, nello specifico, prevede la restituzione del 10% delle spese effettuate con carte, bancomat e app, fino a un massimo di spesa pari a 1.500 euro per semestre.

Non solo, anche una nuova ipotesi è sul tavolo dei lavori.

Per poter avere infatti il rimborso extra cashback, in aggiunta a quello precedente, bisognerà effettuare almeno 50 acquisti a semestre.

In totale, quindi, si possono ricevere indietro, al massimo, 150 euro per semestre e 300 euro l’anno.

A questa somma potrebbe poi infine aggiungersi anche un doppio premio da 1.500 euro riservato ai primi 100mila aderenti che totalizzeranno il maggior numero di transazioni digitali.

Come ottenere il bonus natalizio: i dettagli fin ora conosciuti

bonus in $ from pixabay

La partecipazione è assolutamente volontaria e per poter partecipare è necessario associare il proprio strumento di pagamento digitale al codice fiscale e utilizzare l’app IO, a cui si accede tramite Spid.

Per partecipare il consumatore dovrà mostrare il QR Code, in modo simile al bonus vacanze, al negoziante al momento dell’acquisto.

I rimborsi, poi, verranno accreditati ogni semestre sull’Iban indicato al momento della registrazione.

Per partecipare al programma cashback bisognerà essere maggiorenni, residenti in Italia e iscriversi su Io.it della Pubblica amministrazione.

Iscrizione possibile anche su eventuali altri sistemi messi a disposizione dagli operatori che sono convenzionati con PagoPa, e fornire il proprio codice fiscale, gli estremi di una o più carte e l’Iban.

Come ottenere i bonus sui pagamenti elettronici (Getty Images)
Come ottenere i bonus sui pagamenti elettronici (Getty Images)

Seguiranno aggiornamenti.