E’ scontro fra Forza Italia e Lega: le accuse di Salvini e le polemiche

Per il partito di Silvio Berlusconi sono giornate particolari. Lo scontro fra Lega e Forza Italia si fa sentire. Vediamo in dettaglio.

Discoteche chiuse, il disappunto di Meloni e Salvini (Getty Images)
Giorgia Meloni e Matteo Salvini storici alleati di Forza Italia (Getty Images)

Di scontri politici se ne parla fin troppo spesso, ma questi giorni sono davvero particolari per Forza Italia ed anche per la Lega di Matteo Salvini.

Bisogna premettere che l’attuale centrodestra formato da Silvio Berlusconi, Matteo Salvini e Giorgia Meloni è sempre stato compatto ed unito.

Con la leadership di Antonio Tajani per Forza Italia i rapporti sembravano non essersi increspati di una virgola.

Quanto però sta accadendo in queste 24 ore sembra invece un “rovescio della medaglia”.

Fra i banchi degli azzurri e dei verdi qualcosa sta andando storto.

Vediamo in dettaglio.

Matteo Salvini accusa “inciuci e rimpasti”. Da qui il caos fra i banchi dell’opposizione

Coprifuoco in Lombardia, faccia a faccia Fontana-Salvini (Getty Images)
Matteo Salvini che saluta la folla (Getty Images)

Il tutto sembrerebbe aver avuto inizio dalla risposta del Ministro degli Esteri, Luigi Di Maio alla voce secondo cui ci sarebbe un no categorico a Silvio Berlusconi fra i banchi della maggioranza.

A seguito di quanto accaduto, il leader della Lega, Matteo Salvini, ha accusato gli azzurri di Forza Italia di fare “inciuci” con il nemico e di pensare ai “rimpasti”.

Silvio Berlusconi non si è risparmiato dal rispondere alle accuse.

L’ex Presidente del Consiglio dei Ministri non ha infatti assolutamente preso in modo “positivo” le “accuse” di Matteo Salvini.

Nella giornata di ieri ha infatti prima parlato di probabili “divergenze con forze alleate”, per poi però accendere i toni della polemica ricordando alla coalizione che senza il suo partito in Italia ci sarebbe “una destra isolata e perdente”. Discorso poi ripreso dal Vice Presidente di Forza Italia, Antonio Tajani.

Giorgia Meloni ha preferito una linea di cautela per evitare di incrinare ancora di più i rapporti.
Secondo quanto riportato dall’ansa, la leader di Fratelli d’Italia avrebbe preferito infatti accusare il Governo di aver puntato a dividere le forze del centrodestra per meglio governare.
Contemporaneamente la Meloni ha anche dichiarato che Silvio Berlusconi non cadrà in quella che lei considera una trappola.

Tre deputati di Forza Italia “cambiano colore” ed in una nota spiegano il perché

Sì al taglio dei parlamentari, cosa succede in Parlamento (Getty Images)
cosa sta succedendo in Parlamento (Getty Images)

Quanto accaduto rischia di incrinare ancora di più i rapporti fra gli alleati del centro destra.

Nella giornata di ieri infatti tre deputati di Forza Italia alla Camera sono passati al gruppo parlamentare della Lega.

Si tratta di Laura Ravetto, ex sottosegretario del governo Berlusconi, Federica Zanella e Maurizio Carrara.

I tre deputati nel loro passaggio da FI alla Lega hanno lanciato dichiarazioni molto forti.

In una nota Maurizio Carrara, Laura Ravetto e Federica Zanella, i tre deputati hanno descritto le motivazioni che li hanno spinti a lasciare Forza Italia per passare alla Lega.

“Abbiamo deciso di impegnarci in politica in tempistiche e modalità differenti. Siamo convinti che i valori e i programmi del centrodestra siano la risposta giusta per il Paese” precisano.

A questo però aggiungono: “Ringraziamo Silvio Berlusconi per averci dato la possibilità di esprimere le nostre capacità ed il nostro modo di fare in azioni politiche concrete”.

Per poi concludere la nota dicendo: “In qualità di eletti su collegi uninominali con i voti di tutto il centrodestra tuttavia viviamo con disagio le sempre più ampie aperture al Governo e gli ammiccamenti con il Partito Democratico“.

La dura risposta di Antonio Tajani, Vice Presidente di Forza Italia

La risposta del Vice Presidente di Forza Italia, Antonio Tajani, non è tardata ad arrivare.

Ha infatti dichiarato a 24Mattino su Radio 24 che “I rapporti tra alleati dovrebbero essere diversi”

Per poi aggiungere che “con Salvini non ci sono rotture ma posizioni diverse”.

Una risposta alle accuse del proprio alleato dovevano però necessariamente essere fatte ed in tal caso Tajani ha scelto queste parole: “noi non ci preoccupiamo di fare giochetti di palazzo spostando due o tre deputati da una parte all’altra, se ne parla pure troppo“.

A queste dichiarazioni il Vice Presidente di Forza Italia ha poi aggiunto: “Ci dovrebbe essere un accordo per evitare il passaggio da una parte all’altra”.

“Quelli che lasciano un partito per un altro nella storia politica italiana non hanno ottenuto buoni risultati, sono tutti scomparsi, auguro buona fortuna ma non credo abbiano possibilità di essere protagonisti”.

Sembra che la polemica fra le parti non si sia ancora conclusa.

 

Seguiranno aggiornamenti sulla vicenda.