Paura di invecchiare: perché arriva e come superarla

La paura di invecchiare è un problema che può colpire tutti in modalità differenti. Scopriamo di cosa si tratta e come affrontarla.

paura di invecchiare
donna vecchiaia – Fonte: Adobe Stock

La paura di invecchiare, nota anche come gerascofobia o sindrome di Dorian Gray, è una fobia che può colpire a qualsiasi età e che a volte si presenta addirittura prima dei 20 anni.

Ovviamente non si tratta del normale timore che può subentrare intorno ai 30 o 40 anni, e cioè quando si iniziano a notare le prime rughe, i capelli bianchi o altri cambiamenti fisiologici. Si parla infatti di fobia, quando dietro alla paura motivata del cambiamento si cela un vero e proprio terrore che spinge ad agire anche in modo irrazionale. Cerchiamo quindi di capirne di più e di scoprire come uscirne.

Paura di invecchiare: perché si presenta

La paura di invecchiare, presto o tardi può colpire chiunque. Se quando appare come un lieve timore, si tratta di un fatto abbastanza comune e legato ai primi cambiamenti e al bisogno di metabolizzarli per far pace con essi, in alcuni casi può diventare un problema serio.

Ciò avviene, quando ai timori dovuti al corpo che cambia si uniscono il bisogno di controllo, l’ansia di ritrovarsi soli e altre problematiche che alla lunga possono rendere la vita stressante e poco piacevole. Come suggerito dalla dottoressa Simona Lauri del sito milano-picologia.it, la paura di invecchiare è spesso legata al timore di diventare meno attraenti, alla possibilità di andare incontro a malattie e sofferenza, alla paura di restare da soli e, ovviamente, alla morte.

Si tratta di timori che prima o poi giungono a sfiorare tutti ma che nella maggior parte vengono incamerati, affrontati e superati imparando a vivere al meglio il cambiamento. Cosa che non avviene, però, quando si parla di fobia. In tal caso la paura di invecchiare diventa infatti una sorta di ossessione, porta a sviluppare una mania del controllo e finisce con il riversarsi quasi sempre sull’immagine che si ha di se. Come se mantenendola il più possibile giovane, si potesse eludere il passare del tempo.

Com’è facile immaginare, si tratta di una situazione poco piacevole e che può rendere la vita davvero difficile. Motivo per cui, quando ci si accorge di soffrirne, sarebbe meglio chiedere subito un aiuto. Lavorandoci sopra, infatti, si può imparare ad accettare i cambiamenti e ad abbracciare tutti gli aspetti positivi ad essi legati.

La fobia legata al timore di invecchiare, infatti, nasconde quasi sempre altri problemi che possono essere connessi a situazioni non risolte, alla paura di non riuscire a realizzare nulla di buono o ad altre problematiche che spesso, una volta identificate possono essere risolte in modo positivo. Per farlo, però, può essere importante affidarsi ad un percorso terapeutico che sappia dare gli strumenti giusti per agire.

Paura di invecchiare: come uscirne

prime rughePiù in generale, se ci si trova a provare paura riguardo al tempo che passa, è spesso per via di una difficoltà di fondo nell’accettare i cambiamenti. Per farcela, quindi, il primo passo da compiere è quello di diventare più elastici e capire che crescere e andare avanti nascondono anche aspetti positivi che vanno sempre presi in considerazione.

Dopotutto, invecchiare fa parte della vita ed è quindi indispensabile imparare ad accettare la cosa. Vediamo quindi alcune piccole strategie che possono aiutare in tal senso.

Prendersi cura di se. È indubbio che alla paura di invecchiare si combini spesso quella di ammalarsi o di andare incontro alla sofferenza. Sempre più studi dimostrano però che prendendosi cura di se si può invecchiare in salute. Per farlo basta mangiare in modo sano e bilanciato, fare attività sportiva e coltivare i propri interessi. Avere una vita piena è felice, dopotutto, è sempre un buon antidoto contro tutto ciò che c’è di negativo.

Coltivare i rapporti con gli altri. La paura di restare da soli può crescere insieme all’età. Per renderla meno pressante si può cercare di agire in prima persona coltivando rapporti solidi e che durino nel tempo. Avere parenti ed amici dei quali circondarsi aiuta a non soffrire la solitudine e consente di sentirsi più sicuri anche riguardo gli anni che passano.

Seguire le proprie passioni. Non si è mai troppo vecchi per inseguire i propri sogni. E proprio per questo è sempre bene avere hobby e passioni da coltivare. Si tratta infatti di un aspetto che fa sentire vivi, giovani e carichi come non mai. Cosa che aiuta ad allontanare l’ansia del tempo che scorre.

Fare progetti per il futuro. Avere dei progetti per il futuro e persino per la vecchiaia è un modo per vederla come una meta alla quale ambire. Ciò che conta è pianificare qualcosa che piaccia davvero e che aiuti a sentirsi grati al pensiero di poterla sognare e vivere anche se non subito.

Puntare a modelli positivi. Spesso si teme la vecchiaia a causa di esempi negativi dovuti a parenti ed amici che hanno vissuto gli ultimi anni tra sofferenze e malattie. Oggi, però, le cose sono molto cambiate e sono tante le persone molto anziane che godono di ottima salute e di una vita piena e felice. Ispirarsi quanto più possibile a loro darà modo di cambiare gradualmente l’idea che si ha della vecchiaia, iniziando ad averne sempre meno paura.

Le strategie sopra indicate sono un ottimo modo per alleviare la paura legata al tempo che passa. Qualora ci si rendesse conto che da sole non bastano a sentirsi meglio, il consiglio è quello di parlarne con qualcuno e, se serve, di chiedere aiuto. In questo modo si potrà contare su una vita serena e piacevole, indipendentemente dalla fase che si sta vivendo.

Fonte: milano-psicologa.it