Allerta alimentare grave per tarallini

Nuova allerta alimentare per tarallini. Tutte le informazioni per riconoscerli e su come comportarsi.

taralli allerta
taralli – fonte: Adobe Stock

Gli snack salati sono da sempre tra gli alimenti più amati dalle persone di ogni età. Sempre presenti a feste e momenti di condivisione, rappresentano un momento in cui concedersi una piccola pausa gustosa e dedita alla spensieratezza.

Associarli ad un rischio alimentare è quindi un aspetto poco piacevole ma che a volte avviene. Ne è un esempio il richiamo alimentare per diversi lotti di taralli al gusto pizza con grave rischio chimico. A seguire tutte le informazioni che servono.

Allerta alimentare per tarallini al gusto pizza

recall
Cartello recall – Fonte: Adobe Stock

L’allerta alimentare è stata diraramata dal sito del Ministero della Salute che in una nota ha reso noto il rischio chimico per dei tarallini al gusto pizza. Queti sono i dati per riconoscerli.

  • Nome del prodotto: Tarallini alla pizza
  • Marchio del prodotto: Puglialimentari
  • Lotti di produzione: vari dal 06/09/19 al 12/02/2021
  • Nome del produttore: CDM FOOD srl
  • Sede dello stabilimento: Polignano al mare
  • Data di scadenza: dal 06/09/20 al 12/02/21
  • Confezione da 250 grammi
  • Motivo del richiamo: Presenza oltre i limiti di Ocratossina A

Chiunque avesse acquistato i lotti di tarallini sopraindicati è pregato di non consumarli e di riportarli presso il punto vendita al fine di ottenere un rimborso o il cambio con un altro prodotto di parli valore.

Qualora si fosse già consumato, è consigliabile sentire il proprio medico al fine di spiegargli la situazione in modo da capire come comportarsi.

Ocratossina A: di cosa si tratta

cibi pericolosi
segnale di divieto con teschio – Fonte: Adobe Stock

L’ocratossina è una micotossina che ha origine dalle muffe che si formano da alcuni alimenti tra i quali rientrano la carne, la frutta sia fresca che secca e i cereali. Tossica per l’organismo, se in grandi quantità è cancerogeno e altamente nociva per i reni.

Per questo motivo, quando si trovano alte quantità di questa sostanza, scattano inevitabilmente le allerte alimentari. Sempre riguardo la presenza di ocratossina, ricordiamo un’altra recente allerta che riguarda un lotto di paprika richiamata appunto per ocratossina in grandi quantità. Paprika probabilmente presenta ance tra gli ingredienti dei tarallini sopracitati.

piatto con divieto
Piatto con segnale di divieto – Fonte: Adobe Stock

Continuate a seguirci per restare costantemente aggiornati sulle allerte alimentari al fine di prendersi cura della propria salute, evitando gli alimenti contaminati o potenzialmente pericolosi.