Un matrimonio senza rapporti intimi può durare?

Quanto è quotato un matrimonio dove i rapporti sessuali tra i coniugi non esistono più? è possibile che il matrimonio duri senza avere rapporti fisici?

coppia problemi sessuali
Photo Adobe Stock

Spesso il rapporto tra i coniugi cambia col passare degli anni e si perde la passione dei primi tempi. In alcuni casi i partner non si scambiano più tenerezze sotto il piumone. La routine della convivenza, i bambini e i vari impegni hanno la meglio sul desiderio sessuale che inesorabilmente scompare. Ma una coppia può sopravvivere felicemente e durare nel tempo senza scambiarsi attenzioni sessuali?

Matrimonio senza rapporti sessuali, è una condizione possibile?

coppia calo libido
Photo Adobe Stock

Le dinamiche che si innescano all’interno della coppia dipendono dalla coppia stessa, in linea di massima tutto ciò che è accettato da entrambi i partner, come ad esempio particolari fantasie, rende possibile la sopravvivenza di una relazione.

In questo caso parliamo di una situazione diversa, di una coppia che non nasce bianca, di una storia d’amore appassionata e che un tempo era sessualmente molto attiva. Parliamo di una coppia che ha vissuto un calo del desiderio e non lo ha fronteggiato fino a smettere di avere rapporti sessuali.

Vi abbiamo rivelato il perchè fare l’amore è il cemento di una relazione e anche se l’amore è un concetto molto personale, il rapporto fisico è ciò che differenzia una coppia di amici da una coppia di amanti e crea intimità e vicinanza tra due persone.

Se all’interno della coppia appassionata viene a mancare la componente sessuale, bisogna innanzitutto capire se questa mancanza è volontaria o sofferta tra i coniugi. Nel caso in cui sia sofferta da uno dei partner la situazione si complica.

Avere rapporti sessuali è essenziale per la vita coniugale?

A tal proposito riportiamo il parere di un’esperta, la sessuologa e terapista sessuale Rachel Becker-Warner che intervistata per la rivista Healthline offre una panoramica molto interessante.

Innanzitutto bisogna capire se all’interno del matrimonio la componente sessuale è totalmente assente o parzialmente assente, perchè secondo la dottoressa esisterebbe un limite. Tutto dipende dal bisogno avvertito dai partner, se hanno necessità di più rapporti o se rispettano perfettamente la “quota” fissata.

Poniamo come quota 10 rapporti annuali, ovviamente si tratta di un parametro di riferimento e non di un numero standard e dipende da coppia a coppia come la durata media di una relazione sessuale. Quindi se per i partner la quota è sufficiente la coppia vive un suo equilibrio, se il numero dei rapporti è insufficiente per soddisfare il bisogno si attraversa uno squilibrio che può seriamente mettere a repentaglio il futuro della relazione.

L’assenza totale dei rapporti invece indica secondo l’autrice di “L’importanza del sesso” Ghislaine Paris, che la relazione è destinata ad interrompersi. La rivista Grazia riporta in un suo articolo le parole chiare della sessuologa: “No, la coppia non può sopravvivere senza sesso”. Secondo l’esperta esistono 3 motivi precisi per cui un matrimonio senza rapporti sessuali non può esistere:

  • L’astinenza, imposta o volontaria, può portare all’adulterio. Sembrerebbe scientificamente provato che il fatto di convivere con il partner ci rende aggressivi verso di lui per il fatto che invade il nostro spazio vitale. Avere rapporti sessuali con il partner ci protegge da questo fenomeno, facendoci tollerare l’altro molto di più.
  • Avere rapporti sessuali è un collante che unisce le persone fisicamente oltre a determinare un legame emotivo. Grazie agli ormoni secreti durante questi momenti di passione, l’amore si fortifica.
  • L’intimità non è sempre l’unica condizione per la sopravvivenza di una coppia, ma aiuta.

Sebbene fare l’amore migliori la tua salute, oltre che quella della coppia, attraversare un periodo di “astinenza sessuale” non significa necessariamente che ci siano dei problemi che minano la relazione. L’assenza di rapporti sessuali non è un indicatore di salute della relazione e complicità tra due partner, perchè questa assenza può essere dovuta a svariati fattori e indicare un forte amore e rispetto verso il partner. Mettiamo che uno dei due partner sia malato, il fatto di accettare, sostenere e non avere pretese sessuali dal partner è segno di un grande amore e rispetto.

Un calo della libido può subentrare per esempio dopo il parto, il lutto o la depressione, situazioni che influenzano fortemente la libido. Quando il partner riesce a non concentrarsi egoisticamente sui suoi bisogni ma comprende l’origine di questo declino, la coppia non soffre di alcuna ripercussione.

Essere in sintonia con il tuo partner è la cosa più importante. Se la coppia si stima, si capisce ed è felice, anche quando si presenta un calo del desiderio rispetto ai primi mesi, non si avverte alcun senso di frustrazione, fintanto che i partner si amano e si scambiano coccole e tenerezze, il rapporto è sano. Il vero pericolo si presenta quando i partner non condividono più nulla e conducono vite parallele.

In estremis se il calo del desiderio e della frequenza dei rapporti rende infelice uno dei partner si può sempre rimediare, in caso puoi avvalerti dei consigli forniti in questo articolo: Calo del desiderio? Ecco come riaccendere la passione in poche mosse.

In ogni caso è fondamentale cominicare, parlare, raccontarsi. Non bisogna tenersi tutto dentro che poi la frustrazione fa diventare aggressivi.

coppia desiderio
Photo Adobe Stock

“Il sesso non è istintivo, è il risultato delle nostre rappresentazioni socio-culturali” aggiunge la dottoressa Ghislaine Paris, è possibile influenzare la sessualità e ravvivarla attuando gesti basici come per esempio dedicando più tempo e più attenzione alle attività di coppia: appuntamenti, passeggiate romantiche, viaggi romantici, realizzazione di fantasie nascoste esistono svariati modi per ristabilire la complicità, basta solo parlarne e creare una connessione emotiva stabile con il partner.