Pesciolini d’argento: cosa puoi fare per liberartene (quasi) per sempre

Cosa sono i pesciolini d’argento e come fare ad estirparli dalle nostre case? Ecco la guida contro questi piccoli (ma tenaci!) insettini.

pesciolini d'argento
Lepisma Saccharina (fonte: Pixabay)

Comunemente noti come “pesciolini d’argento” oppure “acciughine” questi insetti sono tra i più diffusi nelle nostre case.

Sbucano, generalmente di notte, proprio quando meno ce lo aspettiamo e ci fanno, letteralmente, impazzire.

Riuscire a trovarli e a prenderli, infatti, è difficilissimo: ecco cosa possiamo fare a riguardo.

Pesciolini d’argento: cosa sono e come eliminarli da casa tua

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Benjamin Fabian (@bfmacro) in data:


Il nome specifico è Lepisma Saccharina ed è famosa per essere una delle specie di insetto più diffusa nelle nostre case.
C’è chi li chiama “insettini della polvere” e chi, invece, li definisce “pesciolini del bagno” ma, nome a parte, si tratta sempre della stesse specie.

Ma cosa sono i pesciolini d’argento?
Si tratta di una specie d’insetto estremamente longeva, che può vivere ,addirittura, fino a tre anni.
Virtualmente sono inattaccabili: possono sopravvivere per mesi e mesi senza mangiare nulla e senza riportare alcun tipo di danno.
Per fortuna (loro) e sfortuna (nostra) rimanere senza cibo non è quasi mai un loro problema.
Questi insetti, infatti, si cibano di moltissimi oggetti ed alimenti che abbondano nelle nostre abitazioni.

Polisaccaridi ed amido sono i loro preferiti e li trovano, molto spesso, nella colla e nelle legature dei libri.
Quando riponiamo i nostri preziosi volumi in biblioteca, gli uni vicini agli altri, non sappiamo a che rischi li esponiamo.
I luoghi bui ed umidi, pieni di libri, infatti, sono i preferiti da questi insetti combattivi.
Ma il loro cibo preferito non sono solo i libri!
Anche polvere, vecchie foto, francobolli, vestiti di seta, lino e capi in pelle: niente sfugge alla loro furia famelica!

Un primo modo per liberarci di loro potrebbe essere quello di diventare vegetariani (qui i nostri suggerimenti per iniziare) ed iniziare a comprare capi in pelle… vegana!

Ma, scherzi a parte, i pesciolini d’argento sono un vero e proprio problema che infesta quasi tutte le nostre case.

Come fare ad eliminare i pesciolini della polvere dalle nostre abitazioni, allora?
Ecco alcuni suggerimenti per tentare di arginare il loro proliferare che, generalmente, è decisamente eccessivo.
Una femmina, infatti, arriva a deporre fino a 20 uova al giorno… tutti i giorni.

  • battiscopa immacolati: pulire il battiscopa è, certamente, qualcosa che tutti facciamo automaticamente. Basta spazzare o passare l’aspirapolvere lì vicino ed il gioco è fatto.
    Se avete a che fare con gli insettini della polvere, però, è necessario avere un’attenzione ed una cura particolare per questo punto della casa.
    Pulite accuratamente ed assicuratevi che sia ben sigillato.
  • deumidificatore: se ancora non lo possedete vi assicuriamo che sarà il vostro migliore amico. Questi insetti adorano l’umidità e le muffe: il deumidificatore si libererà di questi elementi garantendo una diminuzione, sicura, dei terribili insettini.
  • patate: come suggerisce il sito Tuttogreen un rimedio molto funzionale e completamente fai-da-te è quello delle patate. Se usate come esche e riempite di acido borico, le patate saranno un ghiotto ed irresistibile snack per i pesciolini d’argento che, però, gli risulterà fatale.
  • lavanda ed alloro: queste due piante sono fondamentali per la lotta a qualsiasi insetto infestante della casa. Lasciate negli angoli più critici servono ad allontanarli visto che gli insetti li odiano!

Amo la letteratura classica ma trovo comunque piacere nel cibo spazzatura della mia gioventù“.

La battuta riportata in questo fumetto ci fa ben capire come il problema dei pesciolini d’argento sia universale.

L’unica soluzione è combatterli con ogni nostra forza, sperando di vincere, prima o poi, la battaglia.
Nel frattempo gli insetti non sono gli unici nemici dell’igiene.
Sapevate perché il cellulare non va mai portato in bagno?