Nuovo DPCM, ufficiale: quest’anno niente Mercatini di Natale

Stop a tutti i mercatini di Natale. Per quest’anno niente lucine e bancarelle in giro per le città italiane. Le risposte agli interrogativi su cosa è consentito e cosa no nelle zone gialle, rosse e arancioni secondo il nuovo DPCM.

mercatini di natale
Mercatini di Natale (Foto di Pixabay)

Tra i nuovi divieti imposti dall’ultimo DPCM c’è anche quello di organizzare mercatini di Natale. La decisione era già nell’aria e infatti noi ne avevamo parlato. 

Adesso è arrivata l’ufficialità. Gli amanti dei mercatini di Natala dovranno dire addio a questa lunga tradizione che annualmente colorava e inondava di profumi le strade dei paesini e delle città della nostra penisola.

In quali zone sono vietati i mercatini di Natale?

Le manifestazioni locali con prevalente carattere commerciale e anche quelle di natura fieristica, come nel caso dei cosiddetti mercatini di Natale, ma realizzate fuori dell’ordinaria attività commerciale in spazi dedicati ad attività stabile o periodica di mercato, sono da assimilare alle fiere e sono quindi vietate. E’ quanto si legge sul sito del Governo, in merito alle domande frequenti sulle misure adottate nel Dpcm del 3 novembre scorso.

La vera domanda è sono vietate in quali zone? Nelle faq del governo emerge chiaramente la risposta: i mercatini di natale sono vietati in tutte e tre le zone (rossa, gialla o arancione).

Oltre ai mercatini di Natale, come abbiamo avuto modo di osservare, il nuovo DPCM ha indotto ulteriori limitazioni: dallo spostarsi per accompagnare i propri figli dai nonni o per andarli a riprendere all’inizio o al termine della giornata di lavoro (perché gli anziani sono tra le categorie più esposte al contagio del virus); svolgere le riunioni condominiali a distanza; è possibile assistere un parente o amici in difficoltà perché rientra in situazioni di estrema necessità; inoltre è possibile raggiungere la seconda casa “se sia la prima che la seconda casa si trovano entrambe in un Comune dell’area gialla”.