Crisi dei sette anni: bufala o realtà? Scopriamo insieme se sei a rischio

State per compiere i fatidici sette anni e lo spettro della crisi (non una qualsiasi ma proprio quella dei sette anni) si avvicina? 

crisi dei sette anni
passati i sei anni, attenzione! (fonte: Pexels)

Tutti ci scherzano sopra ma nessuno sa se esiste davvero.

La fantomatica crisi che dovrebbe cogliere tutte le coppie in procinto di compiere il settimo anno d’età esiste?

Soprattutto se tu ed il tuo partner state per arrivare a questo ambito (e spaventoso) traguardo la risposta ti interesserà.
Scopriamola insieme!

Crisi dei sette anni: verità o leggenda?

crisi dei sette anni
crisi o non crisi? (fonte: iStock)

Cattive notizie per tutte le coppie che stanno per spegnere sette candeline: la crisi dei sette anni è reale.

Questa teoria, che circola da anni e che molto spesso viene confermata dall’improvvisa esplosione di coppie di amici o conoscenti, affonda le sue radici in dati molto reali.
Secondo alcuni sondaggi e studi, infatti, all’avvicinarsi dei sette anni si cominciano a presentare i problemi classici che tutte le coppie devono affrontare, prima o poi.

Noia, stanchezza ed un generale incremento della voglia di tradire sarebbero alla base della terribile crisi che colpisce tutte le coppie.
Ad essere spaventoso, comunque, non sarebbe solo il settimo anno ma, a quanto pare, anche il quarto.
Quanti pericoli per le coppie di lunga data!

La crisi dei sette anni, comunque, è piuttosto famosa ed è quella più temuta dalle coppie che se la sentono minacciare da anni.
Ma quali sono i motivi per i quali i sette anni ci sembrano così pericolosi?

Mettiamo da parte tutte le complicazioni legate alla nascita di (eventuali) primi figli e convivenze (anche se qui trovate i nostri suggerimenti per ravvivarla).
Il problema legato alla crisi dei sette anni è, infatti, che spesso si comincia ad avere paura proprio di questo: del futuro insieme.

Tutti, infatti, sentiamo la pressione di iniziare a creare una famiglia o di fare un primo passo andando a convivere.
Il settimo anno, generalmente, è quello dove, quindi, queste tensioni esplodono: sia perché si sono accumulate prima e sia perché erano già latenti ma sono rimaste inascoltate.

Crescere è difficile, per tutti: e crescere, infatti, è spesso quello che mette in evidenza la crisi del settimo anno.
Cercare di rimanere sempre uguali, come il primo giorno che ci siamo incontrati, non ci aiuterà.

Bisogna trovare un’altra soluzione per aiutare la nostra coppia!

Come evitare di soccombere alle crisi di qualsiasi anno

crisi dei sette anni
(fonte: Adobe Stock)

Insomma, che sia la crisi del primo, del terzo, del quarto, del settimo o del novantesimo anno poco importa.
Spesso siamo in crisi con il partner e neanche lo sappiamo!
Per questo è importante, innanzitutto, saper riconoscere ed affrontare i brutti periodi, non importa quando capitano!

Il consiglio, per quanto banale, è quello di non focalizzarsi sui problemi ma cercare di condividere la felicità.
Sarebbe questo il segreto per avere una relazione lunga e duratura.

Non possiamo aspettarci che tutto, anche la nostra relazione, rimanga per sempre uguale.
Secondo alcuni studi, infatti, proprio una volta ogni sette anni tutte le cellule del nostro corpo sono sostituite da altre nuove e, quindi, virtualmente saremmo già persone decisamente diverse!
Bisogna crescere e cambiare insieme, pur rimanendo uniti.

L’importante, quindi, è lasciare all’altro la sua individualità e chiedere che il partner vi rispetti alla stessa maniera: l’ultima cosa che volete è una relazione codipendente.
Non scordatevi il mantra di ogni relazione ben riuscita: comunicare.

Migliora il tuo stile di vita con la sostanza della felicità: come assumerla
l’importante è stare bene con noi stessi (fonte: Unsplash)

Insomma, il futuro non deve essere per forza nero e spaventoso.

Se vi ritrovate improvvisamente single, niente paura: ci sarà Facebook Dating a darvi una mano!
Se, invece, volete trovare o ri-trovare l’amore con il vostro lui provate a riaccendere la fiamma in meno di un’ora usando le nostre 36 domande.

Il successo, in ognuno dei due casi, è (quasi) assicurato!