Operata per un tumore alle ovaie, nascono due gemelli

Operata per un tumore alle ovaie nell’ospedale ‘Carlo Poma’ di Mantova, è diventata mamma di due gemelli. Una nuova frontiera

Una favola ma anche un bel messaggio di speranza per tutte le donne e tutte le famiglie. All’ospedale ‘Carlo Poma’ di Mantova una 37enne è diventata da giovedì scorso mamma di due gemelli, che stanno benissimo (come lei). L’evento eccezionale sta nel fatto che alla donna era stato asportato un tumore alle ovaie.

Febbre nel neonato quali sono i sintomi
Operata di tumore alle ovaie, partorisce due gemelli (Pixabay)

Merito dell’équipe interna alla struttura di Ostetricia e Ginecologia del nosocomio lombardo, diretta da Paolo Zampriolo. Prima della gravidanza, grazie ad un intervento di chirurgia oncologica con la tecnica della ‘Fertility Sparing’ sono riuscito a presevrare la sua capacità di procreare.

Una tecnica innovativa e con diversi risvolti delicati. Ma soprattutto è raro che dopo un intervento del genere una donna che l’ha subito porti avanti una gravidanza gemellare. Eppure tutto è andato a buon fine grazie alla forza interiore della neo mamma e della sua famiglia, supportato al meglio dallo staff ospedaliero a cominciare dal ginecologo, il dottor Luca Orazi. “Avere aiutato a guarire una persona dalla malattia e vederla diventare mamma -. ha commentato il medico – è stata una grande gioia e un’importante soddisfazione umana e professionale”.

Operata per un tumore alle ovaie partorisce due gemelli: in cosa consiste la tecnica

Non è la prima volta che all’Ospedale di Mantova gli specialisti eseguono un intervento di questo tipo, possibile quando il tumore è in uno stadio iniziale. La struttura lombarda da temèpo infatti ha introdotto tecniche diagnostiche e chirurgiche all’avanguiardia che partono da una efficace diagnostica ecografica.

L’équipe dell’ospedale ‘Carlo Poma’ di Mantova che ha eseguito l’intervento (Fascebook)

Il resto lo fa una tecnica di chirurgia mini-invasiva che sfocia nella chirurgia ‘Fertility Sparing’. Consente, in casi selezionati e specifici, di curare la malattia tumorale preservando la possibilità di avere figli. Può essere adottata quando il tumore è diagnosticato per tempo, accompagnata anche da un percorso psicologico preciso e dettagliato.

Un altro successo della chirurgia italiana e la consapevolezza che nessuna malattia è debilitante se combattuta nella maniera corretta. Ora la neon mamma potrà godersi i figli e intanto ringrazia ghi l’ha reso possibile: “Questa è opera del destino”, ha detto felice prima di lasciare l’ospedale.