Fa 20 iniezioni per ingrandire le labbra, era bellissima ora è così

Questa ragazza è diventata un volto noto del web grazie alle sue voluminose labbra a canotto. Dopo 20 iniezioni non ha nessuna intenzione di fermarsi.

Photo Daily Mail

È alla sua ventesima iniezione per ingrandire le labbra e ha solo 22 anni, lei si trova bellissima e non ha nessuna voglia di fermarsi. Scopri l’incredibile trasformazione di questa ragazza.

Ci sono persone che si impongono di trasformare il prorio corpo e ricorrono alla chirurgia plastica estrema. Si sottopongono ad interventi su interventi ed il risultato è estremo e tutt’altro che gradito dalla maggiorparte delle persone che li osservano. Giudica anche tu il risultato delle 20 iniezioni sulle labbra alle quali è ricorsa questa ragazza per ingrandirle.

22 anni, la sua più grande aspirazione è avere le labbra più gonfie del mondo

barbie bulgara
Photo Daily Mail

Dopo 20 iniezioni non si dice ancora soddisfatta, anzi afferma che non si fermerà fino a quando non si aggiudicherà il guinness world record per le lebbra più grandi del mondo. Il Daily Mail ha raccontato la sua storia quale esempio lampante di una pericolosa dipendenza dalla chirurgia estetica.

“Continuerò finché le mie labbra non saranno le più grandi del mondo” questa è la massima aspirazione di una ragazza ventenne, Andrea Emilova Ivanova. Le sue labbra sono talmente grandi da coprire parte del suo viso che era veramente adorabile.

Una ragazza come molte, nata con la fortuna di avere un bell’aspetto fisico, cosa l’ha spinta a gonfiare ripetutamente le sue labbra fino a renderla irriconoscibile?

Ha speso migliaia di euro per ottenere questo risultato che le ha fatto aggiudicare il soprannome di “la vera Barbie” . Su Instagram è seguita da una community di oltre 33.000 follower che sono curiosi di vedere fino a dove si spingerà perchè ha più volte affermato di non avere nessuna intenzione di fermarsi, dato che “non è ancora soddisfatta delle sue labbra”.

Ovviamente a guardare le sue foto si capisce che si è spinta ben oltre il limite, anche i medici le hanno consigliato di interrompere le iniezioni ma lei sembra non volerne sapere.

Andrea è contenta della sua trasformazione, ma non del tutto: “Mi sento bene così ma vorrei avere labbra ancora più grandi anche se alcuni medici sono contrari e pensano che sia sufficiente così”, dice la Barbie bulgara.

Andrea è molto popolare, ma non sempre riceve complimenti. In linea di massima gli uomini apprezzano il suo cambiamento mentre le donne hanno delle reazioni piuttosto odiose quando pubblica le sue foto. Lei non si dice affatto provata dalle critiche: “Solo la mia opinione conta” afferma la ragazza durante l’intervista aggiungendo: “Ci sono persone a cui piaccio con labbra così grandi e ci sono persone a cui piaccio con labbra più sottili, ma non mi importa, quel che conta è come piacciono a me. Non mi interessa cosa pensano gli altri.”

Photo Daily Mail

La Barbie bulgara spiega che il concetto di “labbra grandi” è relativo tanto che secondo lei non esisterebbero dei limiti di grandezza.
Di fronte a chi le fa notare che potrebbe avere un problema identificabile in ossessione per la chirurgia estetica lei afferma di non essere affatto dipendente da ciò:

“Sono unica e non copio nessuna star del cinema, il mio aspetto è solo mio e intendo continuare fono a quando non sarò pienamente soddisfatta” dice la ragazza in sua difesa.

Ricordiamo che il suo obiettivo è quello di avere le labbra più grandi del mondo e per una buona ragione:

“In Bulgaria, le grandi labbra sono di gran moda e ci sono molte ragazze che se le rifanno ”.

Per alcuni questa potrebbe sembrare una motivazione poco valida per trasformare il proprio e spingersi fino a dove ha avuto il coraggio di spingersi la barbie bulgara, che oggettivamente si è trasformata radicalmente.

Secondo la psicologa Diana Odon-Baylac le persone che decisono di sottoporsi a ripetuti interventi chirurgici atti a migliorare il proprio aspetto fisico, sono individui “alla costante ricerca di migliorare il proprio aspetto fisico senza mai esserne pienamente soddisfatti”.

La perenne insoddisfazione può generare la dipendenza, come spiega l’esperta:  “Il paziente dipendente dalla chirurgia estetica non percepisce la stessa immagine di se che percepiscono gli altri”, dice. Esiste dunque Una dissonanza che attiva un disagio psichico in questa ricerca spesso illusoria del proprio ideale di bellezza.