Scoperta truffa Covid: “Tua figlia ha bisogno di 7000 euro per curarsi”

Scoperta truffa sul Covid-19. Succede a Genova, dove un’anziana pensionata è riuscita a far arrestare una giovane. Le aveva chiesto 7000 euro.

scoperta truffa covid
donna anziana aiuta la polizia (fonte: Pexels)

Anche durante una pandemia globale, i truffatori non accennano a fermarsi.

Grazie ad un’anziana signora di Genova, però, è stato possibile rintracciare e sventare una truffa con protagonista il Coronavirus.

I carabinieri stanno al momento valutando se la giovane ha agito da sola o con la complicità di altre persone.

Tutti i dettagli.

Scoperta truffa Covid: cifre esorbitanti per malati immaginari

scoperta truffa Covid
la ragazza chiedeva 7.000 euro (fonte: Pixabay)

Una chiamata al telefono, ricevuta da un’anziana signora di Genova, ha reso possibile l’arresto di una giovane ragazza.
La truffatrice, infatti, ha solo 19 anni ed aveva orchestrato un piano veramente molto ingegnoso.
Chiamava al telefono persone anziane, per raggirarle colpendole lì dove fa più male: i figli.

Chiamo da parte di sua figlia, ha il Coronavirus ed ha bisogno di cure molto costose” esordiva la sedicente infermiera.
L’idea era quella di fingersi un’operatrice sanitaria.
Una comunicazione del genere, certo, manderebbe in agitazione chiunque e li metterebbe già nella disposizione d’animo di fare qualsiasi cosa per i propri figli.
La richiesta di denaro, poi, arrivava al momento giusto: 7.000 euro, per permettere alla figlia di usufruire delle tecniche più all’avanguardia.

Per fortuna, però, la protagonista di questa vicenda ha capito immediatamente che al telefono c’era qualcuno di malintenzionato.

La signora, infatti, non ha figlie femmine.

Nel mentre la truffatrice esponeva la situazione, quindi, l’anziana signora ha chiamato il 112, come riporta FanPage, usando un altro telefono.
La polizia ha suggerito alla signora di mantenere la calma e di “truffare” a sua volta la truffatrice.
Dichiarando infatti che le ci sarebbero volute alcune ore per racimolare la somma, la signora ha attirato la ragazza di 19 anni in casa sua.
Senza sospettare nulla, infatti, la truffatrice si è presentata su appuntamento alla porta della signora.
Una volta entrata in casa ha ritirato gioielli per un valore di quasi 7.000 euro.
Subito dopo ha cercato di allontanarsi dall’appartamento, uscendo in strada velocemente.

Purtroppo per lei, però, i carabinieri erano in agguato nell’atrio del portone e l’hanno arrestata in piena flagranza di reato.
Nelle sue tasche, oltre i gioielli appena rubati alla signora, le Forze dell’Ordine hanno trovato anche la somma di 5.000 euro.
Era il bottino di una truffa precedente, orchestrata sempre nello stesso stile.

I carabinieri hanno, anche, trovato il modo di rassicurare e tranquillizzare l’anziana signora vittima della truffa.
Si sono, infatti, presentati a casa della donna appena possibile usando una parola in codice.
“Sono Alberto, con la barba” è la frase usata per farsi aprire la porta in totale sicurezza.
Una volta che la vittima e le Forze dell’Ordine sono riuscite ad incontrarsi è stato possibile organizzare l’agguato.
Una vera e propria operazione in stile 007!
La contro-truffa è stata un successo ed ha portato alla cattura della ragazza di 19 anni.

bambinio suicida a 11 anni
(fonte: Adobe Stock)

A quanto pare le truffe legate al Covid-19 sono aumentate in maniera esponenziale ed a Genova soprattutto.
In questi giorni, infatti, sono state prese misure anti-Coronavirus piuttosto stringenti.
E la Polizia sta indagando assiduamente su queste frodi, che nell’ultimo periodo, si sono moltiplicate.
Le donne soffrono in maniera peggiore la pandemia ed i numeri dei casi di contagiati di ieri parlano chiaro: è evidente che una rete di malintenzionati ha deciso di approfittarsi della situazione.

Per fortuna, in tantissimi stanno aiutando le Forze dell’Ordine ad arrestare i truffatori.
Tutti coloro a conoscenza della truffa, infatti, non cascano nell’inganno e collaborano attivamente con la polizia.

Ci auguriamo, quindi, di poter avvisare quante più persone possibili.

Da leggere