Pasta: i trucchi per mangiarla senza ingrassare

Scopri come mangiare la pasta (anche tutti i giorni) senza prendere peso. Le dritte da seguire per non dover più rinunciare al tuo piatto preferito.

pasta senza ingrassare
pasta senza ingrassare – Fonte: Adobe Stock

La pasta, si sa, è uno dei piatti preferiti dagli italiani. Che sia asciutta o pasticciata, rappresenta un momento di appagamento al quale è davvero difficile rinunciare. Eppure, sempre più persone si trovano costrette a ridurle dalla loro alimentazione, specie quando desiderano perdere peso.

La verità, però, è che se mangiata nel modo corretto, anche la pasta può essere un alimento da inserire nella dieta di tutti i giorni e tutto senza ingrassare. Scopriamo quindi i trucchi da conoscere per poterne godere per tutta la settimana.

Come abbinare la pasta per mangiarla ogni giorno

Donna con piatto di pasta
Donna con piatto di pasta – Fonte: Adobe Stock

Quando si cerca di mantenersi in linea o di perdere peso, uno degli alimenti che vengono immediatamente ridotti o eliminati è la pasta. Ciò avviene perché si tratta di un pasto ricco di carboidrati semplici che solitamente inducono l’innalzamento della glicemia con conseguente rilascio di insulina. Cosa che è possibile ovviare imparando a mangiarla nel modo corretto.

Basta infatti evitare sughi troppo grassi o piatti eccessivamente abbondanti per rendere la pasta un piatto sano e per mangiare in modo bilanciato. Ecco alcuni esempi da cui è possibile trarre spunto.

Scegliere sempre una pasta di tipo integrale. Questo tipo di pasta ha un impatto più leggero sulla glicemia ed è ricca di fibre. Sostituendola alla pasta bianca si può quindi mangiarla più serenità, godendo di un pasto ugualmente buono e tutto senza mettere a rischio la linea.

Mangiare la pasta in modo bilanciato. Il trucco fondamentale per far sì che la pasta non faccia ingrassare è quella di ridurre l’innalzamento improvviso degli zuccheri. Per riuscirci basta mangiare la pasta all’interno di un pasto bilanciato. Niente più piatto di pasta in bianco e senza condimento ma via libera al sapore. Basta infatti condire la pasta con un buon ragù magro e con olio extra vergine d’oliva ed una spolverata di parmigiano per avere un piatto gustoso, nutriente e bilanciato. Chi invece ama proprio la pasta asciutta potrà abbinarla ad un buon piatto di verdure (per la fibra) e ad una fonte proteica a scelta purché sia abbastanza magra.

Abbinare alla pasta verdure o legumi. La pasta (anche se per quella integrale le cose cambiano un po’) è solitamente priva di fibre. Queste si possono però trovare nelle verdure e nei legumi. Associarla a questi alimenti aiuterà a mangiare senza troppi pensieri, restando sazi più a lungo.

Evitare i condimenti ricchi di grassi. Spesso a far ingrassare non è tanto la pasta ma i condimenti che si usano per insaporirla. Evitando panna, burro, formaggi stagionati e grassi e tagli di carne troppo grassi si potrà ottenere un piatto più sano ed in grado di non appesantire la linea. E tutto senza mai rinunciare al gusto.

Condirla sempre. Sembrerà strano ma per non ingrassare è meglio condire la pasta. Come già detto andranno però evitati ingredienti grassi. Molto meglio usare l’olio extra vergine d’oliva, ricco di proprietà benefiche ed in grado di conferirle un sapore unico. Inoltre la sua presenza eviterà che la glicemia si impenni e aiuterà a sentirsi sazi molto più a lungo.

Esempi per mangiare la pasta senza pensieri

ricetta veloce
Pasta con tonno e fagioli bianchi adobestock

Ora che abbiamo scoperto i trucchi per mangiare la pasta senza ingrassare, cerchiamo di capire come tradurli in piatti gustosi da mangiare. A seguire alcuni esempi da cui prendere spunto:

  • Insalata di pasta integrale con verdure, emmenthal e tonno
  • Pasta con ragù magro di carne, un cucchiaio di parmigiano ed uno di olio extra vergine d’oliva
  • Pasta con lenticchie, parmigiano e olio extra vergine d’oliva
  • Pasta con ricotta magra e olio extra vergine d’oliva
  • Pasta con olio e parmigiano e a seguire insalata di pollo e verdure

pasta fredda con melanzane e fetaQuesti sono ovviamente solo alcuni dei tanti esempi da cui trarre spunto. E, com’è facile immaginare, il trucco aggiuntivo è quello di non eccedere con le quantità. In genere 60/70 grammi di pasta sono infatti più che sufficienti, sopratutto se si considera la presenza di proteine e grassi buoni che aiuteranno a raggiungere rapidamente il senso di sazietà.

Da leggere