Pino Scaccia è morto: addio allo storico inviato Rai

A 74 anni è morto Pino Scaccia, giornalista e storico inviato della Rai. Era ricoverato a Roma dopo essere risultato positivo al Covid.

pino-scaccia-morto
Foto Facebook da https://www.facebook.com/pinoscacciafans

Lutto in casa Rai per la morte di Pino Scaccia, giornalista e storico inviato, scomparso a 74 anni. Era ricoverato al San Camillo di Roma da settimane dopo essere risultato positivo al Covid. Negli ultimi giorni le sue condizioni si sarebbero aggravate fino a portarlo alla morte. Il suo nome è uno dei più importanti del giornalismo italiano. Scaccia, infatti, ha raccontato i maggiori eventi di cronaca nazionali e internazionali come la disgregazione dell’ex Unione Sovietica e della ex Jugoslavia, la prima guerra del Golfo, la crisi in Afghanistan.

Addio al giornalista e inviato Pino Scaccia: il ricordo dei colleghi

pino-scaccia-morto
Foto Facebook da https://www.facebook.com/pinoscacciafans

L’Usigrai ha ricordato Pino Scaccia dedicandogli un messaggio sulla propria pagina Facebook e porgendo le proprie condoglianze alla famiglia del giornalista:
“Il suo nome è legato a tutti i principali eventi internazionali degli ultimi 40 anni: Pino Scaccia ha seguito come inviato dalla prima Guerra nel Golfo alla fine dell’Unione Sovietica, dal conflitto della ex jugoslavia all’Iraq, l’Afghanistan, la Libia.
Ma non solo esteri. In prima linea anche su temi italiani, dalla mafia al terrorismo.
Pino Scaccia è stato un cronista di razza. Un inviato che ha dato lustro al Tg1, alla Rai, interpretando nella professione i valori del Servizio Pubblico.
Di sicuro una grande perdita per tutta la professione.
A nome delle giornaliste e dei giornalisti della Rai un abbraccio a tutta la famiglia e a chi gli ha voluto bene”.
Tantissimi i messaggi di cordoglio dei colleghi che lo ricordano sui social:

Quelli qui sopra sono solo alcuni dei messaggi dedicati a Pino Scaccia.

Da leggere