Incubo per Luca Tommassini: “Rapinato e minacciato. Un’ora d’inferno”

Luca Tommassini è stato vittima di un vero e proprio incubo allo scattare dello scorso coprifuoco: una rapina che ricorderà per tutta la vita.

Luca Tommassini
Luca Tommassini (Instagram)

Stava ritornando alla sua casa di Trasrevere e stava per varcare il portone del suo condominio ma è stato fermato e inseguito per le scale da un gruppo di rapinatori.

Quella che avrebbe potuto risolversi come una rapina estremamente veloce si è rivelata invece un drammatico gioco psicologico giocato sulla pelle del ballerino romano. Luca Tomassini ha raccontato la vicenda che lo costringerà a prendere misure molto invasive per proteggere la sua casa e il suo patrimonio.

Luca Tommassini: “Un’ora in balia di folli”

luca tommassini

Li ha addirittura supplicati di non ucciderlo perché sembrava che le intenzioni dei suoi rapinatori fossero davvero pessime. Luca Tommassini era molto scosso quando ha descritto l’esperienza dell’altra notte, durante la quale stava tornando a casa allo scattare del coprifuoco.

Nei pressi del proprio portone è stato avvicinato e bloccato da un gruppo di malintenzionati che lo hanno seguito lungo le scale mentre tentava di mettersi in salvo.

Due rapinatori gli hanno puntato la pistola alla gola e contro la faccia mentre altri brandivano armi più improvvisate come accette e picconi, oltre a una borsa che conteneva probabilmente altri attrezzi da scasso che i malviventi speravano di poter utilizzare per mettere a segno un colpo.

Il ballerino ha affermato di essere rimasto nelle mani dei rapinatori per un’ora prima che finalmente le forze dell’ordine giungessero sul posto. Tommassini è rimasto illeso, ma gli sono state sottratte le chiavi di casa e dell’allarme, nonché il cellulare con il quale i malviventi potrebbero riuscire a ottenere l’accesso ai suoi conti bancari.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Luca Tommassini (@lucatommassinidreamer) in data:

Nel frattempo le forze dell’ordine stanno passando al vaglio le immagini delle telecamere di sorveglianza attive nella zona per identificare i colpevoli dell’aggressione.

Da leggere