Banksy, prezzo record per un quadro venduto all’asta

Banksy conferma di essere l’artista moderno più ricercato. A Londra un suo quadro venduto per un prezzo record da Sotheby’s

Oltre 8 milioni di euro: tanto è stata valutata e sarà pagata un’opera di Bansky andata al’asta oggi da Sotheby’s a Londra. La base di partenza per “Show Me the Monet” era 5 milioni di sterline (circa 5,5 milioni di euro) ma sono bastati dieci minuti e i rilanci di cinque anionimi collezionisti per far salire il prezzo. Alla fine 7.6 milioni di sterline (circa 8.4 milioni di euro).

Banksy, prezzo record per un suio quadro (Getty Images)

Una cifra che rappresenta il secondo prezzo più alto mai pagato per un lavoro del famoso street artist britannico. Il record è di 9,9 milioni di sterline spese l’anno scorso per ‘Devolved Parliament’. Il quadro in questione è ispirato al capolavoro impressionista “The Water-Lily Pond” di Claude Monet e il titolo gioca su una tipica espresisone inglese (“Show me the money”).

Una feroce critica alla società moderna, con la poesia delle ninfee (il soggetto preferito da Monet) che fa da contrasto con i carrelli della spesa ritratti che si scontrano. Un’accusa metaforica alla corsa agli acquisti in un modo che conosce solo il consumismoe non ha nemmeno più rispetto per la natura.

Banksy, il massimo esponente della street art amato in tutto il mondo

Ogni asta per i quadri di Banksy è un successo (Getty Images)

Fino ad oggi di Banksy sappiamo pochissimo. Dovrebbe essere nato a Bristol, in Inghilterra, nel 1973, ed è la massima espressione della street art sin dalla fine degli anni Ottanta quando ha cominciato a farsi conoscere.

Le sue opere sono sempre originalissimi denunce contro l’inquinamento, le atrocità della guerra, il consumismo. L’ultimo lavoro fa bella mostra di sè sul muro di una strada a Nottingham. Una bambina che gioca con i cerchi, come non usa più fare adesso per le strade.

 

Da leggere