Covid-19: il motivo per cui i bambini in età scolare si ammalano meno

Secondo uno studio pubblicato su Scientific Data i bambini in età scolare si ammalano meno di Covid-19. Ecco svelato il motivo.

bambini perché si ammalano meno
Adobe Stock

Secondo uno studio della Scuola di igiene e malattie tropicali di Londra pubblicato sulla rivista scientifica ‘Scientific Data’ i bambini si ammalano meno di Covid-19 per una questione di immunità.

Nell’età scolare infatti questa funziona al massimo, andando a calare man mano con l’età, ecco perché gli anziani sono più soggetti a contrarre certe malattie.

Scopriamo allora quando e come il sistema immunitario è al massimo delle potenzialità e quando inizia a smettere di funzionare alla perfezione.

I bambini in età scolare si ammalano meno di Covid per una questione di immunità

bambini si ammalano meno covid immunità
Adobe Stock

A dirci perché i bambini sono meno soggetti ad ammalarsi di Covid-19 sono i risultati di uno studio condotto dalla ‘London School of Hygiene & Tropical Medicine’ pubblicato anche su Scientific Data. 

Si tratta di una questione di immunità. Secondo la ricerca questa funzionerebbe al massimo nell’età scolare ovvero quella compresa fra i 5 e i 14 anni, poi inizia a calare. Quindi già a partire dall’adolescenza avrebbe inizio il declino fisiologico dell’immunità. Dunque, molto prima di quanto finora si pensasse.

In particolare il team si è concentrato sui dati di 32 diverse malattie infettive, 19 virali e 13 batteriche, osservando ospedalizzazione e mortalità in base all’età.

La gravità, della maggior parte delle malattie infettive, è stata riscontrata al livello più basso nei bambini in età scolare quindi la fascia tra 5 e 14 anni.

Sorprendentemente, molte malattie come poliomielite, morbillo, HIV, tubercolosi, tifo e meningite meningococcica sono più gravi tra i giovani adulti sui 20 anni che sui bambini nell’età scolare.

Inoltre, è emerso che alcune infezioni tra cui il Covid-19, la peste e l’epatite A e B tendono ad aggravarsi di più con l’avanzare dell’età.

Solo per la dengue si è registrata una maggiore aggressività nei bambini in età scolare.

Nei bambini piccoli, il cui sistema immunitario è in via di sviluppo, la severità delle infezioni è invece elevata.  

Tali risultati sono quindi importanti per capire la resistenza alle infezioni, per programmare in maniera ottimale i vaccini, per la progettazione dei farmaci e per la predisposizione di politiche di protezione della salute nel corso della vita

“Sappiamo che i neonati sono particolarmente vulnerabili alle malattie infettive a causa del loro sistema immunitario immaturo e gli anziani sono vulnerabili a causa del deterioramento immunitario. Sorprendentemente poco si sa su come la risposta all’infezione cambia tra questi estremi di età”. A dichiararlo la professoressa Judith Glynn, autrice principale dello studio.

Per Sars, Covid-19, Mers-CoV ed epatite A la gravità della malattia è aumentata dall’età di 40 anni. Inoltre, Covid-19 e Sars hanno variazioni più nette in base all’età. Mentre tali patologie sono lievi nei bambini, possono avere tassi elevati di mortalità negli anziani.

covid perché bambini in età scolare si ammalano meno
Adobe Stock

“Il picco della risposta immunitaria viene raggiunto durante l’età scolare e quindi inizia a diminuire molto prima di quanto si pensi attualmente, in alcuni casi già a partire dai 15 anni”, ha spiegato la dottoressa Glynn.

(Fonte: www.huffingtonpost.it e www.sciencedaily.com/)

 

 

Da leggere