De Magistris, stoccata a De Luca: “Troppi errori nella gestione del Covid”

Luigi De Magistris attacca Vincenzo De Luca e la Regione Campania sulla gestione dell’emergenza sanitaria, l’intervento dell’ex pm ai microfoni di Rai Radio 1 durante il programma “Radio Anch’io”.

De Magisatris attacca De Luca (Getty Images)
De Magisatris attacca De Luca (Getty Images)

Uno degli aspetti di questa seconda ondata di COVID-19 che sta attraversando il nostro Paese è sicuramente la prevenzione: in tal senso si stanno muovendo le Regioni per cercare di convivere con il virus senza che la curva dei contagi aumenti ancor più vertiginosamente di quanto non stia già facendo. L’importante – dicono alcuni, anche con il bene placido del Cts che nonostante gli aggiornamenti sottolineati dall’Esecutivo nel nuovo DPCM continua a rimarcare la necessità di altri provvedimenti più mirati – è essere previdenti: muoversi d’anticipo.

De Magistris punta il dito contro la Regione: “Gravi colpe di De Luca nell’emergenza COVID-19

De Magistris, duro attacco a De Luca sulla gestione della pandemia (Getty Images)
De Magistris, duro attacco a De Luca sulla gestione della pandemia (Getty Images)

Ha cercato di farlo in primis la Campania, De Luca, ormai diventato famoso per la sua politica stringente in fatto di misure preventive sul territorio, accompagnata da frasi e metafore cult (vedasi “il lanciafiamme” che ha evocato ironicamente durante il periodo di lockdown), si è trovato costretto a prevedere cosa sarebbe potuto accadere in caso di maggiore lassismo.

“Se non ci fossimo mossi per tempo – sottolinea da Fazio a “Che Tempo Che Fa” la nostra Regione avrebbe risentito ulteriormente delle condizioni di precarietà in cui si trova. Menomale – prosegue il governatore – che c’è l’autonomia regionale, perché io devo fare i conti con la mia situazione demografica. Il Governo, spesso, non tiene conto di aspetti ben precisi perché non può. Non essendo sul territorio, certe esigenze è difficile capirle. Per questo, se ci sono 800 contagi accertati – come mi aveva sottolineato l’unità di crisi – sul territorio, non puoi girare la testa dall’altra parte. Devi decidere cosa fare in breve tempo”, conclude l’ex sottosegretario alle infrastrutture e ai trasporti.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

🔴#CORONAVIRUS: per chi se la fosse persa, vi ripropongo la mia intervista a “Che tempo che fa ” su Rai 3 con Fabio Fazio.

Un post condiviso da Vincenzo De Luca (@vincenzodeluca) in data:

“Non prendiamocela con i cittadini, restiamo uniti”: l’appello del Primo Cittadino di Napoli

Di diverso avviso è il Sindaco di Napoli, l’ex pm Luigi De Magistris che attacca la gestione di De Luca nel corso di questa emergenza sanitaria, lo fa dai microfoni di Rai Radio 1 all’interno di “Radio Anch’io”, programma condotto da Luigi Zanchini: “I numeri parlano da soli, senza fare scaricabarile, ci sono stati errori piuttosto gravi da parte della Regione. Le persone a casa sono da sole, appena aumenta la febbre vanno in ospedale, il virus è fuori controllo. La medicina territoriale è stata smantellata prima ancora della pandemia. De Luca ha vietato anche ai medici di dire la verità: il tampone viene fatto dopo molti giorni, non prendiamocela con i cittadini che hanno avuto in gran parte un atteggiamento responsabile”, ha detto De Magistris.

“La gente sta capendo che è possibile essere responsabili senza dover rinunciare subito agli altri diritti, che tristezza chiudere le scuole appena riaperte. Adesso il tema fondamentale è facciamo presto, bene la marcia indietro del Governo sulla didattica. In questo momento bisogna essere uniti”, conclude De Magistris che, pur predicando unità di intenti, non risparmia stoccate al collega. Forse, appunto, per via di quelle responsabilità che dovranno essere assunte nonostante la coesione sociale e il fronte comune debbano restare in cima agli atteggiamenti da tenere in un momento come questo.

Da leggere