Bambini a scuola sugli scogli del mare: il caso a Bisceglie in Puglia

Con l’avvento del covid tutta Italia si è dovuta riorganizzare. La scuola con la modalità a distanza in primis. Oggi una novità inaspettata.

Congedo per figli in quarantena come funziona chi può richiederlo
Adobe Stock

I nostri bambini stanno vivendo difficoltà molto importanti per quanto riguarda la loro istruzione la loro formazione.

Sappiamo per certo che col nuovo DPCM sono preferite le modalità a distanza di erogazione delle lezioni, ma soprattutto maggiori flessibilità circa l’organizzazione delle lezioni, l’orario di entrata e di uscita attraverso anche turnazioni varie e così via.

Il popolo del web è non poco spaccato sulla situazione, e le perplessità delle mamme dei bambini sono davvero ingenti.

Da un lato c’è chi considera la didattica a distanza necessaria per proteggere i nostri bambini dalla minaccia del covid e c’è chi invece ritiene necessaria l’erogazione delle lezioni in presenza per permettere ai bambini di avere una giusta formazione.

Oggi però parleremo di un caso molto particolare di una didattica abbastanza speciale.

Didattica sugli scogli: scuola al mare

riapertura scuole decalogo simg contro covid-19
Bambini a scuola (Adobe Stock)

In tempi di pandemia bisogna certamente trovare da parte delle insegnanti anche dei metodi per rendere la situazione più digeribile per i più piccoli.

In questo caso, con la scuola poco distante dal mare, è un’occasione quasi unica che le maestre hanno colto al balzo portando i bambini a fare lezione all’aria aperta.

L’idea è di due maestre, che già in passato avevano avuto l’idea di portare i loro alunni in spiaggia, ben prima del Covid.

Lo scopo principale è quello di insegnare ai piccoli esperienze educative sul campo ed in questo caso per loro infatti sarebbe stato sufficiente anche solo affacciarsi alle finestre della scuola per vedere il mare, che dista solo 200 metri.

Quindi, nel totale rispetto dei protocolli di sicurezza imposti dalla pandemia, i bambini hanno potuto godere di un panorama speciale e svolgere la lezione di scienze a contatto con la natura, per capirne appieno il significato.

In questo modo si potrebbe ottemperare ad uno dei metodi per risollevare i bambini dall’ansia che provano, soprattutto a causa della pandemia.

Così da questa semplice idea è nata una bellissima attività di gruppo, infatti con i loro grembiulini, le cartelle, gli astucci e le penne, i bimbi di questa classe elementare si sono appoggiati sugli scogli di Bisceglie in Puglia ad ascoltare le insegnanti per una lezione a dir poco speciale.

A pubblicare su Facebook lo scatto che ha fatto subito il giro del web è stata la madre di uno degli alunni della classe, madre nonchè educatrice.

Quant’è un metro di distanza? La distanza che intercorre fra uno scoglio e un altro, nessuno ha la presunzione di dire che è facile, ma non si può nemmeno dire che è impossibile. Esistono maestre che hanno fatto della resilienza una prerogativa di vita, e che guardano il mondo dall’altezza dei bambini” ha scritto nel post.

Una splendida iniziativa da parte delle insegnanti ed accolta con molto piacere dai genitori.

Potrebbe magari fare più freschetto ma una iniziativa del genere non può fare altro che bene a dei bambini che non si rilassano ormai da un bel po’.

mascherine 6 anni scuola
Studenti indossano la mascherina in classe (Adobe Stock)

La ministra Azzolina potrebbe trarne ispirazione?

Da leggere