Pandemia Coronavirus: numeri impietosi, 170mila morti in più

Pandemia Coronavirus, i numeri dei primi 9 mesi nel 2020 confermano l’impennata di morti. Sono circa 170mila in più rispetto agli anni passati

covid 19
Pandemia Coronavirus, njmeri drammatici (Pixabay)

Circa 170 mila morti in più dall’inizio del 2020a oggi. I numeri dei decessi in Europa, raffrontati a quelli degli ultimi quattro anni, testimoniano più di ogni altto dato quanto la pandemia da Coronavirus abbia inciso sulla nostra vita.

La statistica arriva direttamente da Eurostat che ha confrontato i dati dei decessi nel nostro continente rispetto allo stesso periodo compreso tra il 2016 e il 2019. In particolare devastante il quadrimestre tra marzo e giugno, quello peggiore per l’infezione da Covid-19. Infatti è stato registrato un incremento di 160mila morti rispetto al totale di vittime nei quattro anni precedenti conteggiati nei 26 Paesi europeiattualmente all’interno dell’Unione. Il picco a fine marzo, con quasi 40mila morti in più, per scendere a 2.200 a metà giugno quando la pandemia ha attenuato la sua morsa.

Tra le vittime, in prima fila gli anziani, con alcune differenze. A marzo e a cavallo tra fine maggio e inizio giugno,  un numero maggiore di decessi tra gli uomini. Invece per le donne il picco è arrivato tra aprile e inizio maggio. Quanto all’età, come già anticipato, nel periodo marzo-giugno il 96% delle vittime aveva dai 70 anni in su, circa 161 mila persone sulle 168 mila totali.

Pandemia Coronavirus, quali sono i Paesi più colpiti in Europa? L’Italia non è la prima

coronavirus-bergamo-
L’esercito porta via le bare da Bergamo – Foto Instagram da https://www.instagram.com/matteosalviniofficial/

Guardando nel dettaglio gli stati dell’Ue più colpiti dai decessi causati da Covid-19, in testa nei mesi da marzo a giugno c’è la Spagna con seguita dall’Italia e poi da Francia, Germania e Paesi Bassi.

In particolare nel nostro Paese risulta un incremento del 40% rispetto agli anni passati. Stesso dato calcolato in Francia almeno per due settimane tra marzo e aprile, in Lussemburgo, la prima settimana di aprile e in Svezia, le prime due settimane di aprile.

Tra le città più colpite secondo Eurostat ci sono assolutamente Bergamo e Segovia, in Spagna. Inn particolare nel capoluogo lombardo a fine marzo un picco dell’895% rispetto agli anni passati. Nella città spagnola invece la settimana successiva, il dato è di + 634%.