Mercatini di Natale 2020: il Coronavirus rischia di far annullare tutto

Brutte notizie per tutti gli amanti dei mercatini di Natale: nel 2020, probabilmente, non si faranno. Tutti i dettagli sulla notizia.

mercatini di Natale 2020
il Coronavirus cancella un’altra bellissima tradizione (fonte: Pexels)

Continuano le cattive notizie collegate alla pandemia di Coronavirus.

I Mercatini di Natale 2020, infatti, sono a rischio: pare che sarà impossibile organizzarli come accadeva tutti gli anni.

Un duro colpo per tutti coloro che amano questa tradizione: ecco tutti i dettagli.

Mercatini di Natale 2020: a causa del Covid-19 non si faranno

mercatini di Natale 2020
impossibile, a detta dei sindaci, mantenere il distanziamento (fonte: Pexels)

Trentino ed Alto Adige si stanno confrontando, in queste ore, con una scelta veramente difficile.

Quella, terribile per gli amanti del Natale, di annullare i tradizionali Mercatini di Natale che attirano ogni anno tantissimi visitatori.
Gli eventi sono, annualmente, attesi da molti irriducibili del Natale e rappresentano un vero e proprio motore per l’economia di queste regioni.

La notizia è ancora incerta: di certo le disposizioni del nuovo DPCM sulle sagre non facevano ben sperare per il futuro.

Il Mercatino di Natale, però, occupa un posto speciale nel cuore di tanti affezionati: tanto che, in queste ore, si sta pensando ad un programma alternativo.
L’idea sarebbe quella di riuscire a far svolgere la rappresentazione in ogni caso, cercando di rispettare il più possibile le misure di distanziamento sociale.

Sul web, nel frattempo, si è già scatenata la polemica.
In molti, a gran voce, contestano la decisione ricordando come, quest’estate, sia stato permesso ai turisti di “ammassarsi” sulle spiagge e nei luoghi di villeggiatura.
Decisione questa che, come sappiamo, ha portato a conseguenze anche estremamente tragiche.

Le disposizioni, infatti, vietano il consumo di cibi e bevande in piedi, minacciando di fatto la vera essenza del mercatino.
Inoltre cercare di controllare il distanziamento e che tutti si comportino nella maniera migliore è virtualmente impossibile.
Gli affezionati del mercatino, però, avanzano critiche al vetriolo tramite i social.
Perché centri commerciali, pub, ristoranti e discoteche sono (e sono stati) aperti ma il Mercatino di Natale deve essere cancellato?

Franco Iasanelli, il sindaco di Trento, ha commentato: “(…) Che non ci possano essere i mercatini come è stato negli anni scorsi mi pare ovvio. Al momento ci sembra improbabile che si possano tenere.”
Le sue parole, riportate dall’Ansa, non fanno ben sperare per il futuro del Mercatino di Natale di Trento.

Con lui anche Renzo Camaraschi, il sindaco di Bolzano, commenta durante una conferenza stampa online che “sarà difficile” far sì che il Mercatino di Natale possa realizzarsi.
Le parole, riportate sempre da Ansa, fanno riflettere: se si arriva, addirittura, a vietare una delle manifestazioni più belle (e redditizie) per una regione il rischio è davvero grande.

Dopotutto, però, i numeri dei casi di Coronavirus di oggi parlano chiaro: non è più tempo per prendere alla leggera le disposizioni anti contagio date dal presidente Conte.
Le sanzioni, infatti, sono alte soprattutto per chi vuole fare il furbo ed ignorare le regole.

I sindaci, comunque, promettono di cercare una soluzione.

In settimana è previsto un incontro tra i vertici dove tutti avranno la possibilità di confrontarsi e dire la loro.

Per gli amanti del Natale, quindi, questa riunione sarà ancora più importante per capire cosa succederà nel prossimo futuro.