Allerta alimentare grave: rischio chimico nei formaggi

0
323

Nuova allerta alimentare per nove lotti di formaggi freschi. Tutte le informazioni per riconoscerli e su come comportarsi.

allerta formaggi molli
formaggi molli – Fonte: Adobe Stock

I formaggi sono tra gli alimenti più amati degli italiani. Ottimi da gustare agli aperitivi, perfetti nelle insalate o come alternativa al secondo piatto ed in grado di impreziosire diversi primi piatti e contorni. Quando si parla di formaggi freschi, però, i rischi di contaminazioni sono sempre presenti, motivo per cui è molto importante prestare sempre attenzione a ciò che si compra.

Nelle ultime ore, ad esempio, è emersa un’allerta alimentare importante riguardante ben nove lotti di formaggi freschi provenienti tutti dallo stesso caseificio. Il richiamo è dovuto alla presenza di aflatossine M1 rivelate nel latte utilizzato per la realizzazione di diversi formaggi. A seguire tutte le informazioni che servono.

Richiamati nove lotti di formaggi freschi provenienti tutti dallo stesso caseificio

allerta stracchino
squacquerone – Fonte: Adobe Stock

L’allerta arriva dal sito del Ministero della Salute dove sono state diramate nove diverse note, tutte riguardanti formaggi provenienti dallo stesso caseificio. A seguire tutte le informazioni ed i lotti per riconoscerli.

  • Casatella
  • Lotto: SR111/1C/02
  • Date di scadenza: 16/10/2020 – 17/10/2020 – 18/10/2020
  • Prodotto in vaschette da 300 gr, 350 gr, 800 gr e doppia confezione da 800 g

 

  • Bazzotto di Romagnia semitenero
  • Lotto: SR111/2B/02
  • Date di scadenza: 20/10/2020 e 22/10/2020
  • Prodotto in forme intere

 

  • Bucciatello del Rubicone
  • Lotto: SR111/4/02
  • Date di scadenza: 20/10/2020 e 23/10/2020
  • Prodotto in forme intere

 

  • Nuvola di latte
  • Lotto: SR111/5/02
  • Scadenza: 15/10/2020
  • Prodotto in forme intere

 

  • Ricotta
  • Lotto SR111/6/02
  • Date di scadenza: 11/10/2020 – 17/10/2020 – 18/10/2020 – 20/10/2020 – 21/10/2020
  • Prodotto in forme intere

 

  • Squacquerone di Romagna DOP
  • Lotto: SR111/3/02
  • Date di scadenza: 16/10/2020 – 17/10/2020 – 18/10/2020
  • Prodotto in vaschette da 350 gr, 800 gr e in confezione doppia da 800 gr

 

  • Squacquerone di Romagna DOP
  • Lotto: SR111/2/02
  • Date di acadenza: 14/10/2020 – 15/10/2020 – 17/10/2020
  • Prodotto in vaschette da 300 gr, 350 gr, 800 gr e in confezione doppia da 800 gr

 

  • Squacuerone di Romagna DOP
  • Lotto: SR111/1/02
  • Date di Scadenza: 16/10/2020 – 17/10/2020 – 18/10/2020
  • Prodotto in vaschette da 350 gr, 800 gr, in confezione doppia da 800 gr e in confezione da 4 da 800gr

 

  • Squacquerone di Romagna DOP
  • Lotto Sr111/3B/02
  • Data di scadenza 16/10/2020
  • Prodotto in vaschette da doppie da 800 gr

 

  • Nome del caseificio: Caseificio Pascoli SRL
  • Sede dello stabilimento: Via Rubicone Dx 220, Savigliano sul Rubicone Forlì Cesen
  • Marchio di identificazione: IT08-550CE
  • Causa del richiamo: Rischio chimico per presenza di aflatossine M1 nel latte

Nei vari richiami del Ministero è stata inserita una nota nella quale viene specificato di non consumare il prodotto e di restituirlo al produttore.
Qualora si fosse già consumato uno qualsiasi di questi prodotti, il consiglio è quello di rivolgersi al proprio medico curante per spiegare la situazione.

Sempre restando in tema di formaggi, ricordiamo la recente allerta alimentare per un formaggio piemontese.

Aflatossine nel latte cosa sono e che rischi comportano

cibi pericolosi
segnale di divieto con teschio – Fonte: Adobe Stock

Le aflatossine sono micotossine prodotte da funghi Aspergillus che si pososno trovare nei prodotti alimentari. Sono considerate nocive in quanto cancerogene e tossiche, motivo per cui la loro presenza deve essere tenuta il più possibile bassa. Nello specifico, le aflatossine M1 si trovano nel latte degli animali contaminato dall’assunzione di mangimi contenenti aflatossine B1.

Quando il limite massimo (che varia da prodotto a prodotto ed in base alla sua destinazione finale) supera il livello massimo consentito, i prodotti come in questo caso i formaggi del caseificio vengono considerati potenzialmente pericolosi per la salute e per questo richiamati.

Gli effetti che queste micotossine hanno sull’organismo sono diverse e si possono riassumere in:

  • Problemi all’intestino
  • Effetti cancerogeni sul fetato
  • Edemi
  • Problemi a livello gastrointestinale
  • Necrosi
recall
Cartello recall – Fonte: Adobe Stock

Tutti motivi per cui è sempre bene prestare attenzione alle varie allerte alimentari, in modo da proteggere sia la propria salute che quella dei propri cari.