Quando è consigliabile assumere carnitina? Alcune indicazioni utili

0
35

Non è infrequente sperimentare cali energetici. Ciò può accadere per varie ragioni. In questi casi, oltre a seguire una dieta varia e bilanciata, è consigliabile integrare alcune preziose sostanze, come ad esempio la carnitina. Scopriamo di più.

Che cosa è la carnitina e quale ruolo ricopre nel nostro organismo?

La carnitina è un importante nutriente, necessario al trasporto degli acidi grassi a lunga catena attraverso la membrana mitocondriale, per il metabolismo e la produzione di energia in tutte le cellule del corpo.

Parliamo di una sostanza naturalmente presente nei tessuti del nostro organismo, in particolare:

  • Tessuto muscolare, incluso il cuore;
  • Tessuto nervoso (cervello);
  • Fegato;
  • Reni.

Sia fegato sia reni provvedono alla sintesi della carnitina. La carnitina funziona da trasportatore degli acidi grassi a lunga catena all’interno dei mitocondri, ossia le “centrali energetichedelle cellule. Gli acidi grassi a lunga catena sono parte integrante dei lipidi e hanno un’efficienza altamente energetica.

Una volta giunti nelle cellule, gli acidi grassi sono trasformati in energia (ATP). L’Adenosina Trifosfato (ATP) è una molecola presente in tutti gli organismi viventi, per i quali rappresenta la principale forma di raccolta di energia immediatamente fruibile. Scopriamo subito la funzione di questa fondamentale sostanza all’interno del nostro organismo.

Come è prodotta l’energia?

Tutte le cellule producono energia (ATP) dai nutrienti e in presenza di ossigeno. L’ATP fornisce grandi quantità di energia per consentire il lavoro delle cellule, del cuore e dei muscoli. È una risorsa essenziale, senza la quale il nostro organismo non potrebbe svolgere le proprie funzioni biologiche.

La L- carnitina trasporta gli acidi grassi a lunga catena all’interno dei mitocondri. Qui, gli acidi grassi sono trasformati in energia tramite il cosiddetto “processo di beta- ossidazione”. In pratica, i mitocondri si comportano come motori all’interno delle cellule, combinando grassi e ossigeno per ottenere energia riutilizzabile.

Inoltre, La carnitina trasmette all’esterno i prodotti di scarto del metabolismo, svolgendo un’azione detossificante dei mitocondri. Al termine di questo processo, la L- carnitina può uscire dalla matrice mitocondriale e dare inizio a un nuovo ciclo. Appartengono alla “famiglia” della carnitina e sono coinvolti nella produzione di energia anche due derivati di questa molecola: Acetil-L-Carnitina e Propionil-L-Carnitina.

Quali sono gli effetti benefici della carnitina sul nostro organismo?

Senza energia, le cellule del nostro organismo non riuscirebbero a sopravvivere. Grazie al suo imprescindibile ruolo biologico, una integrazione di carnitina può avere effetti positivi in caso di fatica fisica e mentale e particolari situazioni di calo energetico, condizioni riconducibili ad alcuni fattori:

  • Deficit o insufficienza di carnitina. Potrebbe essere imputabile a un aumentato fabbisogno o a un ridotto apporto con la dieta. È possibile che compaiano alcuni sintomi, come ad esempio debolezza, spossatezza, riduzione della massa muscolare, inappetenza, fatica mentale.
  • Periodi di particolare stress psicofisico. Tutti noi possiamo attraversare periodi impegnativi per varie ragioni (lavoro, studio, convalescenza, variazioni stagionali, fatica fisica, allenamenti sportivi intensi). Stanchezza fisica e mentale, mancanza di concentrazione, affaticamento e debolezza sono disturbi frequenti.

In queste evenienze, possiamo introdurre la carnitina con la dieta e associare l’utilizzo di un integratore alimentare specifico.

Introduciamo carnitina con l’alimentazione

Oltre ad essere prodotta a livello interno dal nostro organismo, la carnitina è assimilata tramite la dieta. Questo nutriente prezioso è presente in elevate concentrazioni in questi alimenti:

  • Carne (soprattutto pecora, agnello, manzo, suino)
  • Latte;
  • Pesce;
  • Uova;
  • Asparagi;
  • Avocado;
  • Tempeh (semi di soia fermentati).

Data la prevalenza di carnitina nei prodotti animali, soprattutto la carne, le persone che seguono una dieta vegana potrebbero più facilmente manifestare una carenza di carnitina.

Utilizziamo un integratore di carnitina

Ecco chi può apportare all’organismo un dosaggio supplementare con un integratore alimentare:

  • Chi segue un regime alimentare vegetariano o vegano;
  • Chi assume poca carnitina con la nutrizione;
  • Chi deve rispondere a un aumentato fabbisogno quotidiano di carnitina, come per esempio durante i cambi di stagione, in convalescenza o in periodi di stress.

Scegliamo un integratore con una formulazione equilibrata di vitamine, minerali e altri nutrienti che contribuiscono al normale metabolismo energetico e a contrastare la sensazione di stanchezza fisica e mentale che può manifestarsi in varie situazioni, attività e momenti della vita quotidiana.

Invece, in seguito ad abbondanti sudorazioni dopo una pratica sportiva intensa, possiamo riequilibrare la perdita di liquidi e sali minerali con un integratore formulazione a base di sali minerali, vitamine e altri nutrienti, utile per favorire la normale funzione muscolare e il mantenimento dell’equilibrio idrosalino.