Dieta per la menopausa del dottor Calabrese: 15400 calorie per stare bene

0
212

Se andare in menopausa vi preoccupa per il possibile aumenti di peso, nessun dramma: esistono rimedi come la dieta per la menopausa del dottor Calabrese

Dieta per la menopausa adobestock

Uno degli effetti collaterali più comuni nelle donne che entrano in menopausa è legata al cibo e alla linea, Questa nuova fase tende a far aumentare il girovita anche inconsapevolmente, ma in maniera quasi fisiologica. Trovato il problema ci sono anche le soluzioni: come la dieta per la menopausa del dottor Calabrese.

Il noto esperto di nutrizione ha elaborato un sistema pratico ma anche efficace per affrontare il problema del grasso in più durante la menopausa. Un regime alimentare basato su un maggiore contenuto di sostanze antiossidanti e minerali ma anche sull’azione dei fito-estrogeni. L’effetto combinato aiuterà ad affrontare al meglio soprattutto i primi periodi di questa fase.

Il primo passo dovrebbe essere quello di una visita dal ginecologo, per attestare effettivamente l’arrivo della menopausa. Il secondo è questa dieta da 1400 calorie giornaliere ideata per donne che non fanno molto movimento e quindi rischiano di andare in sovrappeso. Da questa base potete poi partire adattando il piano ai vostri gusti ed esigenze, ma sempre tenendo a mente quelle che sono le linee essenziali.

Dieta per la menopausa del dottor Calabrese, esempio di menù

pixabai

Qual è quindi il menù di massima settimanale nella dieta per la menopausa del dottor Calabrese? Partiamo dalla colazione che può essere fatta con 25 grammi (una fetta) di pane integrale con un cucchiaino di marmellata senza zucchero oppure un cucchiaino raso di crema di nocciole biologica,

Da bere, un bicchiere di latte di soia o tazza di tè verde con un cucchiaino piccolo di miele. Come spuntino del mattino 150 grammi di frutta stagionale poco zuccherata oppure una spremuta da 180 ml di agrumi o un bicchiere di succo di melograno e una noce
A pranzo spazio ai carboidrati ma con moderazione. Potete cucinare 50 grammi di pasta di grano saraceno o spaghetti di soia oppure pasta integrale alternandoli con riso integrale o basmati oppure orzo perlato conditi con un filo d’olio.

E poi 200 grammi di verdure a foglia verde (spinaci, bieta, scarola, indivia, radicchio) con 20 grammi di formaggio come Asiago, parmigiano o grana padano. O ancora 50 grammi di ricotta In alternativa 110 grammi di legumi a scelta (il peso è calcolato da cotti) o 35 grammi di legumi secchi.

O ancora 120 grammi di piselli o borlotti o fave fresche e un cucchiaino di olio. In alternativa 80 grammi di alici fresche o sgombro, oppure 100 grammi di gamberetti o 40 grammi di salmone con 100 grammi di zucchine o finocchi o fagiolini e un cucchiaino di olio. Per terminare, 100 grammi di frutti rossi o agrumi o fragole a seconda della stagione, oppure un kiwi piccolo o 5 mandorle o 2 noci.

Nel pomeriggio come merenda uno yogurt da 125 grammi con un cucchiaino di germe di avena o grano o di semi di lino e una tazza di tè verde.
Infine a cena fino a 120 grammi di vitello, pollo o tacchino più un piatto di verdure miste, broccoli o finocchi o insalata mista. Oppure per sostituire la carne, 100 grammi di pesce azzurro, salmone fresco al forno, in cartoccio o al vapore o 150 grammi di polpo e calamari o ancora sauté di vongole o cozze.

Tutto condito con due cucchiaini rasi di olio, preferibilmente a crudo. Infine
2-3 noci o un pezzettino di cioccolato fondente oppure 100 grammi di frutto a scelta di stagione. Per finire una tisana.