Maurizio Costanzo furioso: “L’ex dirigente RAI rovina i miei ascolti”

0
46

Maurizio Costanzo non tollera il clamoroso calo di ascolti del suo nuovo programma e se la prende con una colpevole “intoccabile”.

Maurizio Costanzo
Maurizio Costanzo (Instagram)

Non dev’essere stata una decisione presa a cuor leggero quella di Maurizio Costanzo, che dopo anni di militanza nelle fila Mediaset ha deciso di riapprodare in RAI ormai otto anni fa con un programma in terza serata che finora aveva incontrato il favore del pubblico: S’è Fatta Notte.

Purtroppo, a causa di una strana scelta da parte di un ex dirigente il programma ha conosciuto un progressivo calo degli ascolti che ha fatto letteralmente infuriare Costanzo.

Il conduttore si è duramente sfogato in merito alle anomale scelte professionali di una ex dirigente RAI che oggi è diventata una collega e che gli sta letteralmente “rubando” i telespettatori. Come finirà la querelle?

Il Costanzo Furioso: “Mi lasci in pace e cambi rete”

Maurizio Costanzo contro Grande Fratello Vip
Maurizio Costanzo (Foto: Instagram)

Si chiama Monica Maggioni l’ex dirigente RAI che ha piazzato il suo (lunghissimo) programma Settestorie prima di S’è Fatta Notte.

Contrariamente a una prassi consolidata all’interno dell’azienda, la Maggioni ha deciso di tornare a condurre dopo aver ricoperto un importante incarico ai vertici dell’azienda.

Si tratta di un “passo indietro” che mai nessuno dei suoi predecessori aveva compiuto e che, casualmente, sta rovinando la piazza a Costanzo. Il giornalista è addirittura arrivato a fare un paragone poco lusinghiero: “È come se il presidente della Michelin alla fine del suo  mandato tornasse in officina a vendere gomme!” ha dichiarato per sottolineare l’assurdità dell’avvenimento.

Quest’ultimo, ben lontano dall’essere delicato con la collega per la sua passata posizione dirigenziale, si è scagliata contro di lei proprio per questo motivo: “Fino a che veniva preceduto da Fabio Fazio e Franco di Mare S’è Fatta Notte vantava ottimi ascolti. Ora che devo aspettare la Maggioni che dura troppo, finisce tardi e mi lascia pochissimo pubblico, facendomi perdere gli ascolti” si è lamentato Costanzo.

Inoltre, il re dei talk show italiani ha puntato il dito contro una seconda decisione anomala dei palinsesti RAI nei confronti della Maggioni. Secondo una regola che è sempre stata puntualmente seguita, in RAI non si fa mai pubblicità per i programmi in seconda serata, come appunto Sette Storie. “Chissà perché questo non vale per la Maggioni” ha insinuato Costanzo, che ha chiaramente accusato la giornalista di utilizzare i suoi agganci e il suo prestigio aziendale per ottenere un trattamento di favore.

Come se non bastasse, Costanzo ha sottolineato come anche Lucia Annunziata continui ad avere il suo programma nonostante sia stata Presidente RAI dal 2003 al 2004. “Proporrei a questo punto una rubrica fissa, Ex Presidenti Parlano” si è sfogato Costanzo.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da @akiocarotelevip in data:

Altro atto “imperdonabile” della collega quella di aver fatto una “passeggiata” in via dei Fori Imperiali con il Presidente Conte. “Consiglio al Presidente Conte di scegliersi un’altra accompagnatrice la prossima volta” ha scritto velenosamente Costanzo.

A parte la breve parentesi su Lucia Annunziata, quindi, è chiaro che Costanzo abbia un dente particolarmente avvelenato proprio con la Maggioni, alla quale ha chiesto ufficialmente di togliersi dalle scatole: “Magari vada su Raidue o Raitre al martedì, al mercoledì, ma mi lasci vivere in pace”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Catena Fiorello Galeano (@catena_fiorello) in data:

Il programma va avanti dal 2012 e per cinque stagioni è stato ospitato dal palinsesto di Raiuno in seconda serata. Dal 2017 è passato in terza serata senza registrare bruschi cali di ascolti come quelli che Costanzo sta lamentando quest’anno.

Chissà se, quando ritorna a casa, Costanzo possa sfogarsi con Maria delle sue infelicità lavorative come dev’essere successo durante il recente periodo della quarantena, che i due hanno vissuto (e raccontato) insieme.