Come utilizzare l’acqua di cottura delle patate: scopri gli usi alternativi

0
92

Come utilizzare l’acqua di cottura delle patate? Non buttate nel lavandino, ma provate a riutilizzarla così da evitare sprechi.

Come utilizzare l'acqua di cottura delle patate
Foto:Adobe Stock

Le patate un alimento largamente utilizzato in cucina per la preparazione di diversi piatti,  non solo sono piacciono a tutti non solo ai grandi anche ai piccini. Rispetto ad altre verdure ed ortaggi si conservano a lungo solo se vengono conservate in modo corretto.

La patate si potrebbe definire la regina della casa, si presta a diverse preparazioni dalle più semplici come una semplice patata cotta al vapore ai piatti più tipici come le patate arraganate. Inoltre con le patate potete utilizzare sia per la preparazione di primi piatti, contorni e dolci, si prestano a diversi metodi di cottura al vapore, bollite, cotte al forno, fritte o purè. E’ un alimento davvero utile non solo in cucina, pensate che non solo potete consumarla come alimento ma potete recuperare i materiali di “scarto.

Ad esempio con le bucce potete pulire casa e con l’acqua di cottura? Noi di CheDonna, vi spieghiamo come riutilizzare l’acqua di cottura delle patate per evitare di buttarla nel lavandino, così da recuperare quanto più è possibile.

Patate come sceglierle

Come utilizzare l'acqua di cottura delle patate
Patate Foto:Pexels

E’ vero che con l’acqua di cottura delle patate si possono ottenere dei benefici non solo in cucina per la preparazione di ricette.

Però come del resto per tutti gli ingredienti, sarebbe opportuno scegliere sempre una materia prima di qualità. Le patate sono un alimento che si conserva a lungo, fate una scelta attenta già al momento dell’acquisto. Prima di acquistarle o conservarle è importante fare una cernita, una prima selezione visiva, vanno scartate le patate che presentano delle lesioni, tagli, macchie e germogli.

Poi le potete lasciare cosi se l’avete acquistate nei sacchetti retati, l’importante che siano bene areate. Se le avete acquistate in una cassetta, le potete mettere in un sacchetto di carta, anche in questo caso deve circolare l’aria. Vanno conservate al buio e fresco, l’importante che non ci sia umidità, un mobile della cucina, che non va aperto spesso, perfetta è la cantina.

Controllate le patate in modo da tenerle sotto controllo, se qualcuna si danneggia, l’eliminate, in modo da non rovinare le altre. Quando vi occorrono le patate controllate sempre che non siano presenti i germogli.

Può accadere che durante la conservazione, la patata germogli, ossia si notano delle sporgenze sulla buccia. I germogli sono ricchi di solanina, è un alcaloide glicosidico che protegge la pianta da funghi, microrganismi e parassiti. Se si assume in quantità eccessive potrebbe risultare davvero dannoso per l’uomo, quindi la patata germogliata si può mangiare solo se i germogli sono pochi e la patata non risulta ruvida e molle al tatto.

Adesso che avete le idee chiare potete procedere alla preparazione del piatto interessato. A prescindere dalla pietanza si consiglia sempre di lavare bene le patate, perchè il più delle volte è presente il terreno sulla buccia. Non sempre con l’acqua corrente va via, quindi fate attenzione.

Magari potete utilizzare una spazzola per cucina per pulire bene tutto. Poi potete bollire le patate con la buccia e riutilizzare l’acqua di cottura così da evitare sprechi.

Anche se cuocete le patate senza buccia potete riutilizzare l’acqua. In caso contrario, se dovete preparare un piatto e dovete necessariamente sbucciare le patate e poi cucinarle, non buttate neanche la buccia, perchè potete pulire casa. Ebbene si le bucce di patate sono utili per pulire bene casa e in modo ecologico.

Potete tranquillamente preparare anche un detersivo ecologico utilizzando le bucce di patata e la patata stessa, contengono sostanze sgrassanti. Scopri come pulire casa con le patate e le bucce. Ma con l’acqua di cottura della pasta cosa si può fare?

Come utilizzare l’acqua di cottura delle patate

come utilizzare l'acqua di cottura delle patate
Acqua delle patate: addensante (Istock photos)

L’acqua di cottura della pasta è davvero importante riutilizzarla, non solo per la preparazione di pietanze, scopriamo i possibili utilizzi.

1- Addensante: ebbene si le patate contengono l’amido, che per fortuna in cottura viene rilasciato. Infatti l’acqua di cottura delle patate si può utilizzare proprio per addensare diversi piatti. Non solo le vellutate, zuppe e minestre ma tutto ciò che necessita di una consistenza cremosa.

2- Impasti morbidi: l’acqua dopo la cottura delle patate ha una densità differente, proprio dovuto al rilascio di amido. Potete utilizzarla quando dovrete preparare degli impasti come il pane, pizza, rustici che necessitano di lievitazione. Infatti avere degli impasti perfetti e facilmente lavorabili, rispetto a come procedete di solito.

3- Fertilizzante: nell’acqua di cottura sono presenti sostanze come i sali minerali come il potassio che è amico delle piante. Aggiungere l’acqua delle patate alle piante evita la comparsa di erbacce indesiderate e la ricrescita delle radici malsane. L’unica raccomandazione che l’acqua non deve essere salata e calda, lasciate raffreddare bene e poi versatela nel giardino o nei vasetti delle piante.

4-Lucida l’argento: piatti e argenteria opachi? Provate con l’acqua delle patate. Basta mettere in una bacinella ampia l’acqua di cottura delle patate ma deve essere ancora calda. Immergete poi le stoviglie o l’argenteria e lasciate così in ammollo per almeno un’ora. Poi trascorso il tempo, lavate il tutto sotto acqua corrente calda. Noterete la differenza le stoviglie e l’argenteria saranno più lucenti. Ma ci sono anche altre soluzioni efficaci, resta aggiornato.

5-Prendersi cura del viso: come già ribadito i sali minerali e vitamine presenti nell’acqua di cottura delle patate, la rende perfetta per pulire e illuminare il viso. Basta lasciare intiepidire un pò, poi immergete un dischetto di cotone e applicate sul viso, facendo dei massaggi delicati e circolari.

Ripetete più volte, poi procedete al risciacquo e applicate la crema idratante che utilizzate di solito. Non solo in questo caso, ma se la pelle del viso presenta un pò di rossore o è irritato, si consiglia si preparare degli impacchi utilizzando un panno morbido e di cotone. Lasciate agire per qualche minuto e poi risciacquate con acqua tiepida, applicate la crema.

come utilizzare l'acqua di cottura delle patate
Foto:Adobe Stock

6-Per un purè più cremoso: dopo aver schiacciato le patate, aggiungete l’acqua di cottura e mescolate bene, poi unite gli altri ingredienti.