Come disinfettare il bucato con prodotti naturali: ecco alcuni consigli da seguire

Come disinfettare bucato con prodotti naturali? E’importante utilizzare ingredienti naturali, così da proteggere sia l’ambiente che la salute dell’uomo.

Bucato
Bucato igienizzato Fonte:Pixabay

Lavare il bucato igienizzandolo è davvero importante, dei consigli a riguardo sono davvero utili, perchè vi permetteranno di eliminare non solo i residui di sporco, ma anche batteri e germi. Il bucato deve essere ben lavato e disinfettato, per preservare la salute di noi stessi e delle persone che vi circondano.

Ci sono diversi rimedi da adottare per igienizzare il bucato, ma il più delle volte gli utilizzi di prodotti troppo aggressivi, possono causare dermatiti, irritazioni sulla pelle. Infatti il bucato si può disinfettare anche utilizzando prodotti naturali o pochi aggressivi, noi di CheDonna.it vi diamo i consigli su come disinfettare il bucato con prodotti naturali

Come disinfettare il bucato a casa

Come disinfettare il bucato
Foto:Pixabay

Il bucato, si può igienizzare, senza ricorrere all’utilizzo di prodotti aggressivi, che si trovano in commercio, che sono dannosi per la nostra pelle e non solo anche per l’ambiente.

Il bucato, soprattutto quello bianco si può igienizzare, lasciandolo in ammollo in una bacinella con la candeggina, ma non si può per tutti i tessuti, si consiglia soprattutto per l’intimo, asciugamani e lenzuola. Per i capi bianchi in pizzo e ricami si sconsiglia, ricordate che l’utilizzo frequente della candeggina a lungo andare possono danneggiare i tessuti.

Se volete evitare questa fase di prelavaggio, potete anche aggiungere la candeggina nella vaschetta della lavatrice e tenere in ammollo il bucato. L’importante è porre attenzione leggendo l’etichetta dei capi, così da selezionare anche il lavaggio a temperatura adeguata. Nel caso di capi colorati, invece dovete scegliere la candeggina delicata.

Ma la candeggina e detergenti antibatterici chimici, non sono gli unici prodotti che garantiscono bucato perfettamente igienizzato, in alternativa potete utilizzare prodotti del tutti naturali che vengono aggiunti al detersivo direttamente.

Ecco alcuni prodotti da utilizzare per il vostro bucato.

Come disinfettare il bucato con prodotti naturali

Disinfettare il bucato
Tea tree oil Fonte: iStock Photo

Non utilizzati prodotti aggressivi, che trovate in commercio, ma optate a quelli sotto elencati, così da proteggere l’ambiente e la vostra pelle. Esaminiamo in dettaglio.

1- Olio essenziali tree tea

Il tea tree oil è un olio essenziale che ha diverse proprietà tra cui quelle antibatteriche, quindi perfetto per detergere in profondità i capi. Aggiungete circa 5 gocce al detersivo che utilizzate di solito, poi procedete con il lavaggio. Potete anche utilizzare il sapone per bucato fatto in casa, così da proteggere ulteriormente il bucato.

In alternativa potete utilizzare il tea tree oil per disinfettare, basta aggiungere un cucchiaio a una bottiglia di vetro scuro da un litro di alcol bianco, quello impiegato per il liquore. Fate riposare per 7 giorni e poi lo usate come disinfettante per il lavaggio, in media occorrono circa 2 cucchiai di olio per ogni 5 chili di bucato per ottenere il risultato desiderato.

2 – Acqua ossigenata

Per igienizzare il bucato, l’acqua ossigenata, si può utilizzare, ma quella a 130 volumi, aggiungete un cucchiaio in mezzo bicchiere d’acqua e poi versate nel cestello della lavatrice, poi aggiungete il detersivo. E’ importante non toccarla con le mani ed evitare il contatto con gli occhi, perchè questa concentrazione è corrosiva e provoca ustioni. La temperatura di lavaggio consigliato è di 60 gradi, inoltre utilizzate solo sui capi bianchi e non colorati.

3 – Aceto

L’aceto si sa che è un ottimo disinfettante, che viene utilizzato per diversi motivi, uno tra questi è la pulizia profonda del bucato, infatti è perfetto per eliminare le macchie più ostinate. Basta aggiungere mezza tazza di aceto al comune detersivo per il bucato, in modo da rendere i colori più intensi e brillanti. L’aceto potete aggiungerlo al lavaggio, anche quando volete rimuovere i cattivi odori di cucina o di sigaretta dai capi.

4 – Bicarbonato di sodio

Il bicarbonato di sodio è un detergente naturale, si può aggiungere al bucato, sia per eliminare i cattivi odori che le macchie più ostinate. Non solo, contribuisce a mantenere un pH dell’acqua ottimale per il lavaggio, infatti il bucato resterà più bianco e più pulito. I capi risulteranno non solo igienizzati ma il colore si ravviva. Potete aggiungere direttamente al bucato in lavatrice, oppure aggiungerlo nella bacinella se tenete i capi in ammollo. Il bicarbonato di sodio riesce ad annientare batteri e germi, basta aggiungere due cucchiai al bucato per ottenere risultati soddisfacenti.

5 – Limone

Il limone è un agrume, conosciuto proprio per il suo potere disinfettante, basta aggiungerlo a un pò di acqua e poi direttamente nella vaschetta del detersivo. I capi saranno igienizzati e ben detersi.

Disinfettare il bucato: consigli sa seguire

lavatrice
Bucato in lavatrice Fonte: Istock-Photos

Il bucato si può igienizzare e detergere in profondità, eliminando lo sporco ostinato, i germi e i batteri, ma solo se si fa in modo corretto. Non tutti sanno, che dopo il lavaggio i batteri presenti sui capi, possono sopravvivere mettendo a rischio la propria salute e favorendo l’insorgenza di infezioni. Però questo si può evitare seguendo alcune precauzioni da adottare sia prima che dopo il lavaggio del bucato, scopriamo.

1 – Non si devono accumulare i capi sporchi in un solo cesto: abitudine comune, mettere tutto il bucato sporco in un’unica cesta, per questione di praticità e spazio, ma va assolutamente evitato. Infatti gli stracci sporchi, vanno separati dai vestiti, in particolar modo quelli dei bambini, neonati. Non solo anche i capi delle persone affette da allergie, non vanno uniti ad altri capi. In mancanza di un’altra cesta, potete ovviare a non lasciare per molti giorni i panni senza lavarli.

2 – Temperature da rispettare: il bucato per essere ben igienizzato deve essere lavato a specifiche temperature, ad esempio una temperatura di  90°C è perfetta per disinfettare i tessuti. Alcune aziende produttrici di lavatrici, hanno tra le impostazioni un ciclo “Sanitary”. Questo mantiene la temperatura dell’acqua a temperature di 80° per 10 minuti. In questo modo si va a ridurre la carica batterica che è presente sui capi di abbigliamento e non. Ma purtroppo le temperature troppo alte sono sconsigliate per capi delicati come seta, lana e soprattutto per i capi scuri, perchè è pur vero che deterge, ma le temperature alte scoloriscono alcuni tessuti. Per non incorrere in un errore, potete leggere sempre l’etichetta che trovate nei capi.

3 – Non lasciare in lavatrice il bucato lavato: l‘errore comune di molte persone, è lasciare il bucato in lavatrice dopo averlo lavato, magari perchè non hanno il tempo di stenderlo subito. E’ un abitudine sbagliata, perchè i capi umidi, portano alla proliferazione di germi e batteri. Non appena termina la lavatrice, il bucato va steso subito e non solo dopo che si è asciugato all’aria, va tolto subito.

Purtroppo, lasciare quest’ultimo per troppo all’aria potrebbe, incrementare la proliferazione batterica. Immaginate di quanta polvere e agenti inquinanti si depositano sui panni, causando problemi di salute.

E’opportuno anche lavare sempre la lavatrice per evitare spiacevoli sorprese.